collutorio-esercizio-fisico-batteri

Uno studio condotto tra la Spagna e il Regno Unito ha portato alla luce un’interazione particolare tra il collutorio e l’esercizio fisico. In sostanza, se dopo una sessione di allenamento ci si lava i denti usando tale prodotto, l’effetto benefico dell’esercizio stesso potrebbe venir interrotto. Il motivo riguarda la pressione sanguigna e un elemento ben specifico.

L’attività fisica in sé i vasi sanguigni si dilatano e viene prodotto l’ossido nitrico; un processo che favorisce l’apporto di sangue ai muscoli. Se però viene assunto il nitrato, elemento che si trova facilmente nei collutori, la dilatazione dei vasi viene meno. Ovviamente non si parla di ingerire il collutorio, ma basta anche solo sciacquarsi la bocca per permettere ai batteri di convertire il nitrato in nitriti.

 

Collutorio e attività fisica

Le parole di uno degli autori dello studio, lo specialista in fisiologia Raul Bescos: “La ricerca dell’ultimo decennio ha dimostrato che il nitrato può essere assorbito nelle ghiandole salivari ed escreto con la saliva in bocca. Alcune specie di batteri in bocca possono usare nitrati e convertirsi in nitriti, una molecola molto importante che può migliorare la produzione di ossido nitrico nel corpo”.

Usando diversi carichi di lavori su diversi volontari, i ricercatori hanno visto come l’assunzione di tale elemento portava a una riduzione della pressione sistolica di oltre il 60%. “Questa è la prima prova che mostra che l’attività di riduzione dei nitrati dei batteri orali è un meccanismo chiave per indurre la risposta cardiovascolare acuta all’esercizio fisico durante il periodo di recupero in soggetti sani.

“Questi risultati mostrano che la sintesi dei nitriti da parte dei batteri orali è estremamente importante per dare il via al modo in cui i nostri corpi reagiscono all’esercizio fisico durante il primo periodo di recupero. In effetti, è come se i batteri orali fossero la chiave per aprire i vasi sanguigni. Se vengono rimossi, il nitrito non può essere prodotto e i vasi rimangono nel loro stato attuale.”