dottor-google

“Dottor Google” e qualsiasi altro strumento di ricerca online sbaglia più di quanto non sembri quando qualcuno cerca specifici sintomi per determinare se ha un problema di salute, ha concluso una nuova indagine. La ricerca online di una serie di sintomi per valutare un possibile problema di salute sembra essere un comportamento molto comune, ma, secondo i sondaggi online, finiscono per fare più errori.

Una nuova indagine che ha esaminato l’accuratezza dei siti e delle applicazioni di controllo dei sintomi online ha rivelato che la qualità della consulenza diagnostica varia considerevolmente e, in media, questi strumenti ottengono una diagnosi corretta solo la prima volta in un terzo (36%) delle situazioni.

Mentre può essere allettante utilizzare questi strumenti per scoprire cosa potrebbe causare determinati sintomi, il più delle volte [questi strumenti di ricerca] sono inaffidabili, nella migliore delle ipotesi“, ha spiegato Michella Hill, autrice principale dello studio e studente del master presso la Edith Cowan University, in Australia. “Nel peggiore dei casi, possono essere pericolosi“, ha continuato. “La realtà è che questi siti e applicazioni devono essere esaminati con grande cura, dal momento che non guardano l’intero scenario della situazione“.

Per giungere a questa conclusione, il team ha studiato i controllori dei sintomi online (SC) che forniscono diagnostica medica o consigli di screening. Complessivamente sono stati analizzati e testati 36 SC gratuiti e popolari disponibili su siti Web o applicazioni per iPhone e smartphone Android. Dopo aver identificato gli SC, sono state testate 48 descrizioni di condizioni mediche.

La diagnostica online non è più affidabile

Un altro studio, pubblicato cinque anni fa da un team di scienziati dell’Università di Harvard, negli Stati Uniti, ha ottenuto gli stessi risultati analizzando lo stesso argomento: i 23 SC testati dal team di scienziati americani hanno suggerito inizialmente una diagnosi corretta provato nel 34% dei casi.

Il portale scientifico rileva che la somiglianza potrebbe essere correlata al fatto che entrambi gli studi hanno testato alcune delle stesse vignette delle condizioni mediche. Tuttavia, e considerando che il nuovo studio ha portato anche nuove condizioni di salute e non ha necessariamente esaminato gli stessi SC, lo studio suggerisce qualcos’altro: in generale, nell’ultima metà del decennio, i controllori dei sintomi online non sono diventati più affidabili.

Tuttavia, osservano i ricercatori, questi strumenti non sono del tutto inutili: il team guidato da Hill ha scoperto che gli SC elencano la diagnosi corretta nei primi dieci risultati nel 58% dei sondaggi.

Il team sottolinea che, come regola generale, questi servizi diagnostici, che utilizzano algoritmi, sono uniformemente aperti sui loro limiti, chiarendo che le diagnosi fatte non sostituiscono l’opinione di un medico. “Ciascuno dei SC [analizzati] ha avvertito che il loro servizio non ha sostituito una diagnosi medica (…). La diagnosi non è una valutazione singola, ma un processo che richiede conoscenza, esperienza, test clinici e test e il passare del tempo, qualcosa impossibile replicarsi in una singola interazione online”.

Nonostante le carenze e il basso grado di affidabilità, gli scienziati affermano che i CS sono utili se usati come risorsa educativa insieme alla diagnostica medica. “[Gli SC] non conoscono la storia medica o altri sintomi (…). Per le persone che non hanno conoscenza della salute, possono pensare che i consigli che ricevono siano accurati o che le loro condizioni non siano così gravi come potrebbero essere“.

I risultati dell’indagine sono stati pubblicati su The Medical Journal of Australia.