virus animali

Uno studio recente ha avvertito che gli animali ospitano quasi due milioni di virus con il potenziale di infettare l’uomo. Il dottor Peter Daszak, presidente di EcoHealth Alliance, ha dichiarato, durante un’intervista a Sky News, che dobbiamo imparare dalla pandemia di Coronavirus e fermare il prossimo scoppio, se ci sarà, dall’origine.

“Abbiamo analizzato il numero di virus sconosciuti che potrebbero emergere in futuro e stimiamo che ce ne siano circa 1,7 milioni, del tipo che potrebbe infettare le persone”, ha detto lo scienziato.

 

Possibili nuovi virus potrebbero subentrare nelle nostre vite

È una minaccia futura davvero significativa. Conosciamo solo un paio di migliaia di virus, quindi la stragrande maggioranza è in attesa di essere scoperta in futuro. Si ritiene che il virus che causa COVID-19 sia balzato agli umani dai pipistrelli in Cina.

Studi su persone che vivono vicino alle grotte di pipistrelli in Asia hanno dimostrato che anche altri virus hanno infettato l’uomo ma non si sono evoluti per diffondersi ulteriormente. Il dott. Daszak ha affermato che ora dovrebbe essere fatto ogni sforzo possibile, per svelare il codice genetico dei virus che vivono negli animali.

Hanno stimato che potrebbe essere fatto in un periodo di 10 anni. Si potrebbe quindi sviluppare farmaci e vaccini. Si potrebbe scoprire anche dove si trovano e ciò aiuterebbe le comunità locali che vivono in prima linea queste malattie a cambiare il comportamento che le mette a rischio.

Sky News sta esaminando le lezioni che dovremmo imparare dal coronavirus nell’ambito di una serie intitolata After The Pandemic. La scienza è stata applicata al nuovo virus in modi che sarebbero stati ritenuti impossibili solo pochi anni fa.

coronavirus

Scoperti possibili vaccini e nutazioni del virus

Il Coronavirus è emerso a Wuhan solo cinque mesi fa. Tuttavia, già gli scienziati hanno svelato il suo codice genetico e ne hanno elaborato la struttura, e ci sono 10 possibili vaccini. All’università di Liverpool gli scienziati stanno cercando mutazioni nel codice genetico, sottili cambiamenti che vengono trasmessi a tutte le copie che fa di se stesso mentre si diffonde.

Permette loro di rintracciare il virus dalla Cina all’Europa, e quindi la sua furia in tutto il continente. Molteplici varianti genetiche sono state introdotte nel Regno Unito, in particolare da Italia, Spagna e Francia a febbraio e marzo.

Tale comprensione dettagliata della pandemia è possibile solo con la decodifica in tempo reale delle 30.000 lettere chimiche che compongono il progetto genetico del virus. I macchinari prodotti da Oxford Nanopore possono svelare il materiale genetico in un paio d’ore, lavoro che solo cinque anni fa avrebbe richiesto molti mesi.

virus

L’importanza della genomica

Steve Paterson, professore di genetica, ha dichiarato: “La genomica in questi giorni è assolutamente centrale per tutto ciò che riguarda la biologia e tutto ciò che riguarda l’assistenza sanitaria. Il primo obbiettivo è di sequenziare il genoma dell’agente patogeno che si possiede. Da lì si può guardare le proteine, decidere quali vaccini potrebbero essere utili, progettare test diagnostici e il resto che ne consegue.”

L’University College di Londra sta usando macchinari, milioni di volte più potenti di un PC di casa, per testare rapidamente le strutture chimiche e vedere se bloccano il virus. Solo quelli altamente propensi a lavorare andranno negli studi clinici. Il professor Peter Coveney, che è sia un chimico che uno scienziato informatico, ha detto che questo metodo abbrevia il tempo di ciò che una volta impiegava l’industria farmaceutica per molti anni.

“È davvero una questione di poter fare cose più grandi, migliori e più veloci di qualsiasi cosa tu possa fare con i computer di fascia bassa. La precisione delle previsioni è in costante aumento con la potenza delle macchine che abbiamo a disposizione“, ha riportato il professore Coveney.