febbre fieno covid

Prurito agli occhi e starnuti sono diventati un nuovo pericolo per le persone con febbre da fieno, in tutto il Galles, durante il blocco grazie ai conteggi impennati del polline. Tuttavia molti malati riportano sintomi più gravi del normale per questo periodo dell’anno, con gli esperti che ritengono che potrebbe essere causato da un calo dei livelli di inquinamento.

Jonathan Lloyd Jones, della Royal Pharmaceutical Society, ha affermato che mentre la causa principale è probabilmente l’incontro di maggio con clima caldo e secco, un ulteriore fattore potrebbe essere la riduzione delle auto sulla strada. “È probabile che i sintomi manifestati da chi soffre di febbre da fieno siano aumentati principalmente a causa del fatto che abbiamo uno dei tempi più caldi e aridi di sempre, il che ha portato a conteggi di polline molto elevati”.

 

I bassi livelli d’inquinamento potrebbero aver causato il rafforzamento dei sintomi

Tuttavia potrebbe esserci un legame con i bassi livelli d’inquinamento. È noto che le particelle diesel, ad esempio, possono combinarsi con il polline nell’atmosfera e trascinarlo verso il basso. Il farmacista della comunità, Raj Aggarwal, ha affermato che la ricerca mostra che l’inquinamento può effettivamente peggiorare i sintomi per i pazienti affetti da febbre da fieno.

Gli scienziati hanno sempre sospettato che la maggiore incidenza di allergie fosse legata all’inquinamento atmosferico e ai cambiamenti climatici, ma non sono stati in grado di spiegare perché. È stato scoperto che l’interazione di polline, i cambiamenti climatici e l’inquinamento aumentano la durata della stagione degli allergeni.

L’effetto combinato degli inquinanti è quello di rendere più potenti gli allergeni. I ricercatori hanno scoperto che l’o-zone scatena una catena di reazioni chimiche che modifica la struttura proteica dell’allergene. Quest’ultimo alterato ha quindi maggiori probabilità di legarsi al biossido di azoto, che aggrava la risposta immunitaria perché è particolarmente irritante per il sistema immunitario. Quindi l’aumento della febbre da fieno ha più a che fare con il tempo fantastico che abbiamo avuto.

febbre fieno covid

Febbre da fieno, un fenomeno sempre più diffuso

Entrambi gli esperti concordano sul fatto che la febbre da fieno sta diventando sempre più diffusa in molte comunità gallesi. “Le richieste per il trattamento della febbre da fieno nel mio banco della farmacia sono state le più alte di sempre. E ora che le farmacie della comunità possono fornire cure per la febbre da fieno sul SSN attraverso il Common Ailment Service, i pazienti non devono più prenotare un appuntamento con il proprio medico di famiglia per farsi curare”, ha dichiarato Aggarwal.

Resta inteso che circa il 95% delle persone soffre di allergia ai pollini d’erba che è ai massimi livelli da metà maggio a luglio. Esistono inoltre sincere preoccupazioni che le persone con febbre da fieno possano inavvertitamente diffondere il Coronavirus attraverso starnuti e stropicciandosi gli occhi più frequentemente.

“Poiché l’infezione da Coronavirus viene diffusa dalle goccioline respiratorie, chiunque sia infetto potrebbe potenzialmente diffondere l’infezione attraverso la tosse, lo starnuto e il contatto con oggetti se non si sono lavati le mani correttamente”, ha affermato Aggarwal.

È importante che le persone seguano le indicazioni sullo stile di vita per ridurre l’esposizione al polline e chiedere consigli al proprio farmacista nella gestione dei sintomi. Alcune persone affermano di aver effettivamente scambiato i loro sintomi di febbre da fieno grave per Coronavirus.

febbre fieno covid

I sintomi da febbre da fieno possono confondersi con il Covid-19

I farmacisti ammettono che le due condizioni potrebbero essere confuse, ma ci sono alcune differenze chiave. I sintomi della febbre da fieno comprendono naso che cola o intasato, starnuti, lacrimazione o lacrimazione e talvolta tosse. I sintomi della febbre da fieno a volte potrebbero essere confusi con Covid-19.

La differenza principale è che la febbre da fieno di solito non provoca febbre alta e le persone generalmente non si sentono troppo male. Poiché uno dei principali sintomi di Covid-19 è una nuova tosse continua, è importante per una persona con febbre da fieno confrontare i propri sintomi con quelli che avevano negli anni precedenti.

Per quanto riguarda il trattamento, il consiglio è:

  • Le persone con sintomi occasionali di congiuntivite allergica devono trattarla con un antistaminico orale. Sono preferiti antistaminici non sedativi come la cetirizina, la loratidina;
  • Le persone con sintomi più persistenti e un sintomo predominante di naso chiuso devono trattarlo con un corticosteroide intranasale (spray nasale steroideo). Questo è consigliato solo a persone di età superiore ai sei anni;
  • Le persone con un sintomo predominante di starnuti o secrezione nasale devono trattarlo con un antistaminico orale.

Mentre in termini di stile di vita, il consiglio è:

  • Evitare il polline chiudendo le finestre, indossando occhiali da sole avvolgenti ed evitando le aree erbose in particolare al mattino presto, alla sera e alla notte
  • Evitare di asciugare i vestiti all’esterno;
  • Applicare la vaselina attorno alle narici per intrappolare il polline;
  • Doccia e lavare i capelli dopo essere stati all’aperto per rimuovere il polline;
  • Aspirare regolarmente e spolverare con un panno umido.