fossile

In Alberta, Canada, degli archeologi hanno scoperto un fossile perfettamente conservato di un dinosauro corazzato risalente a 110 milioni di anni fa. L’antica creatura è stata ritrovata tra i sedimenti marini di un fiume ed è attualmente il dinosauro meglio conservato del suo genere.

Il fossile ha già gettato nuova luce sull’aspetto e sul funzionamento degli esterni induriti dei dinosauri corazzati. Gli scienziati che studiano lo straordinario fossile hanno trovato una sfera di materia vegetale nell’intestino del dinosauro che non solo rivela la dieta dell’animale, ma racconta anche l’attività quotidiana dell’animale.

La ricerca, pubblicata nella Royal Society Open Science è finanziata parzialmente dalla National Geographic Society. Offre uno sguardo senza precedenti al mondo circostante di questo grande dinosauro.

 

Il fossile del dinosauro ci racconta la sua storia

“Dipinge un’immagine davvero evocativa di questo ambiente che questo dinosauro avrebbe attraversato. Puoi immaginare l’evento molto specifico accaduto nella vita di questo dinosauro, e ho pensato che fosse davvero fantastico”,afferma Victoria Arbor, curatrice di dinosauri al Royal BC Museum del Canada.

In generale, è raro trovare il contenuto di un budello fossilizzato. I fossili che preservano inequivocabilmente i pasti finali degli erbivori sono ancora più rari. Le condizioni chimiche che preservano l’osso tendono a scomporre la materia vegetale che può spesso essere trascinata nel corpo dell’animale durante la sepoltura rendendo difficile giudicare con cosa si sia nutrito e di cosa si riempia.

Solo un altro dinosauro corazzato, il Kunbarrasaurus australiano , è stato trovato con materiale vegetale digerito nel suo stomaco. Ma il dinosauro albanese, era più grande, lungo circa 18 piedi e quasi 3000 libbre di vita, e il suo contenuto di stomaco era meglio conservato.

Il borealopelta era un tipo di dinosauro corazzato a cui mancava l’estremità della coda a forma di mazza tipica degli Anchilosauri. Ha vissuto circa 110 milioni di anni fa nell’attuale Nord America nord-occidentale. Il dinosauro si è fossilizzato in circostanze eccezionali: l’animale è morto in un fiume ed è stato spazzato nel mare che un tempo divideva il Nord America in due, dal Golfo del Messico all’Oceano Artico.

fossile

Com’è stato possibile ottenere una conservazione così accurata?

L’improbabile sepoltura in mare del dinosauro, nell’attuale Alberta settentrionale, ha conservato il suo corpo con dettagli impeccabili. Non solo la sua armatura ossea rimane intatta, ma molte delle guaine di cheratina che la ricoprivano si sono fossilizzate. Questi indizi stanno aiutando gli scienziati a capire come apparivano e funzionavano le piastre del dinosauro, oltre a fornire possibili prove del suo colore della pelle.

Il borealopelta è stato ritrovato nel 2011, quando un’operazione di sabbie bituminose, nell’Alberta settentrionale ha scoperto il fossile mentre stava scavando. Un equipaggio del Royal Tyrrell Museum of Paleoology  è volato sulla miniera per scavare, e ha trascorso i successivi sei anni a rimuovere accuratamente la roccia in eccesso dal fossile con strumenti manuali.

La parte sinistra della cavità toracica del dinosauro presentava una curiosa massa di ciottoli multicolori, proprio sul punto in cui avrebbe dovuto trovarsi lo stomaco. Così gli archeologi presero piccoli pezzi della massa che era caduta, li incastonarono nella resina e realizzarono diapositive sottilissime che potevano esaminare al microscopio.

Hanno rapidamente riconosciuto frammenti di materia vegetale fossilizzata sotto ingrandimento, tra cui pezzi di foglie conservati a livello cellulare, fino ai pori utilizzati per assorbire CO2. Quindi, nel 2017, hanno contattato Jim Basinger e David Greenwood , due degli esperti più esperti nella vita delle piante antiche del Canada occidentale. Il team ha studiato attentamente le diapositive per comprendere meglio l’ambiente. Ha anche rivisto i fossili vegetali della Gates Formation, una serie di letti di carbone che si sono formati nell’Alberta occidentale nel periodo in cui il dinosauro viveva.

Nel mezzo del Cretaceo, il clima del Canada settentrionale era molto più umido e più caldo di quanto non sia ora, e foreste e radure lussureggianti coprivano il paesaggio con un fogliame selvaggiamente diverso dai campi di grano e dalle foreste della moderna Alberta. Le piante da fiore stavano solo iniziando a diffondersi 110 milioni di anni fa e rimasero rare. Invece, le foreste erano dominate da conifere e piante simili a palme, con felci ed equiseti che riempivano il sottobosco.

fossile

Le piante fossilizzate determinano gli ultimi momenti di vita dell’animale

Confrontando i fossili di piante di Gates Formation con quelli del Borealopelta, il team ha concluso che l’animale a pelo corto pascolava tra le piante a bassa crescita. Tuttavia, con sorpresa dei ricercatori, la maggior parte della sua dieta sembra essere stata un particolare tipo di felce, ignorando altra vegetazione disponibile. Inoltre, circa il 6% del contenuto intestinale era costituito da frammenti di carbone, un possibile segno che l’animale stava pascolando sulla ricrescita in un’area recentemente colpita da incendi.

Ulteriori indizi trovati tra le sue viscere indicano che il dinosauro abbia ingerito piante a metà della loro fioritura, che va dalla tarda primavera a fine estate. Nel loro insieme i dati recuperati suggeriscono che l’animale sia morto verso metà estate poco dopo il suo ultimo pasto.

Il fossile del Borealopelta potrebbe avere ancora segreti da rivelare. L’animale è stato portato in mare, quindi i ricercatori non sanno ancora esattamente dove viveva il dinosauro. Tuttavia il team non solo ha materia vegetale, ma ciottoli che il dinosauro aveva ingoiato per aiutare a rompere il suo cibo.

Anche senza quei dettagli in più, questa scoperta rimane un fatto sorprendente in un giorno d’estate più di cento milioni di anni fa. Ci abituiamo a vedere i dinosauri come cose morte, non come esseri viventi. Questo è un modo davvero importante per ricordare alle persone che in realtà abbiamo a che fare con esseri realmente esistiti.