app tracciamento

I nostri smartphone si impegnano a svolgere un ruolo significativo nell’aiutarci a uscire dalla pandemia di Coronavirus, come parte di un sistema di tracciabilità per mantenere bassi i livelli di infezione.

Google e Apple non lavorano molto insieme, ma stanno lavorando insieme per creare un sistema alquanto più sicuro possibile: un insieme di protocolli sottostanti all’interno di Android e iOS che sono in grado di parlare tra loro, anche quando il telefono è in tasca. I primi frutti di questi sforzi sono ora disponibili su telefoni Android e iPhone: ecco come trovare queste impostazioni sul telefono e cosa fanno realmente.

 

La tecnologia Track-and-Trace

Ciò che Apple e Google hanno sviluppato non è un’app in sé, ma piuttosto un’interfaccia di programmazione dell’applicazione (un’API) a cui altre app possono collegarsi. Quando carichiamo un sito Web con un widget di Google Maps che utilizza un’API di Google Maps, gli strumenti di monitoraggio di Covid-19 funzionano allo stesso modo.

In altre parole, Apple e Google hanno costruito le basi, assicurandosi che le app per la salute possano dialogare tra loro su Android e iOS e ottenere l’accesso alle funzionalità di cui hanno bisogno. Ora spetta ai paesi sviluppare le app che si collegano a queste basi e forniscono agli utenti l’interfaccia effettiva di front-end.

Una parte cruciale è l’accesso ai segnali Bluetooth. Il Bluetooth è perfetto per la trasmissione wireless a basso consumo che può essere eseguita in background sul telefono, senza scaricare eccessivamente la batteria. In questo caso, il telefono registrerà altri telefoni con cui viene in contatto, supponendo che i dispositivi eseguano un’app di tracciamento Covid-19 che è stata completamente abilitata.

Questi registri non includono alcuna informazione identificativa; usano codici ID numerici casuali che cambiano frequentemente e vengono completamente spazzati via dopo 14 giorni, il periodo di incubazione per Covid-19. Sulla base di ciò che sappiamo finora, le app saranno in grado di registrare il tempo in cui siamo stati in contatto con ogni persona e quanto lontano eravamo, a giudicare dalla forza dei segnali Bluetooth. Qualsiasi contatto meno rischioso verrà ignorato.

app tracciamento

App di tracciamento, trovare le impostazioni

Pochissime app di tracciamento Covid-19 sono già in circolazione, ma le funzionalità su cui Apple e Google hanno lavorato sono già disponibili. Oltre alle impostazioni che troveremo nelle future app di tracciamento, potremo abilitare o disabilitare la registrazione “notifica di esposizione” anche a livello di sistema operativo: è un sistema completamente opt-in.

Su Android, apriamo Impostazioni, quindi tocchiamo Google e Covid-19 notifiche di esposizione. Ci verranno fornite molte informazioni su come funziona il monitoraggio dell’esposizione , oltre a due impostazioni che non saranno attive fino a quando non installiamo un’app compatibile: una per eliminare tutti gli ID casuali raccolti dal nostro telefono e una per spegnere la funzionalità completamente.

Se usiamo iOS, apriamo Impostazioni e selezioniamo Privacy, Health e Covid-19 Exposure Logging. Ancora una volta, è possibile attivare o disattivare questa registrazione e leggere alcune ulteriori informazioni su come funziona. Per sbarazzarsi degli ID casuali memorizzati sul telefono, basterà toccare l’ opzione Elimina registro esposizioni nella parte inferiore.

Per far si che queste app funzionino, avremmo bisogno del Bluetooth del telefono e delle funzionalità di localizzazione della posizione attivate. Le app non sapranno dove ci troviamo nel mondo o quante volte abbiamo lasciato la casa in una giornata. Sapranno solo con quali ID casuali il nostro telefono è entrato in contatto.

Se ci dichiariamo positivi al Covid-19, l’app invierà tale record dei nostri ID rotanti a un server, che a sua volta li invierà ad altri dispositivi utilizzando il sistema. Chiunque sia stato nelle vicinanze nelle ultime due settimane verrà avvisato con un avviso. Queste persone possono quindi agire da sole, potenzialmente arrestando un’altra linea di trasmissione.

app tracciamento

Come funzioneranno le app

In questa fase, non sappiamo esattamente come funzioneranno molte delle app di tracciamento costruite con le tecnologie Apple e Google. Negli Stati Uniti la decisione sullo sviluppo verrà presa stato per stato. Utah, ad esempio, ha deciso di ignorare il framework che Apple e Google hanno messo insieme nella propria app di tracciamento.

Ecco come probabilmente funzioneranno le app basate sulla tecnologia Google e Apple. In primo luogo, avremo la possibilità di scaricare un’app e di abilitare il tracciamento del coronavirus a livello di sistema operativo mobile, come spiegato sopra. Se contrarremo il Covid-19, allora avremo la scelta se avvisare le persone a cui siete stati vicini.

Per evitare falsi positivi, ci dovrà essere una qualche forma di verifica, per impedire alle persone di fingere di aver catturato il coronavirus . Ciò potrebbe comportare, ad esempio, un codice di verifica, sebbene si tratti di uno dei dettagli da finalizzare.

All’altro capo della linea, se siamo stati in contatto con qualcuno che ha contratto Covid-19, il nostro telefono ci farà sapere. Non vedremo il nome della persona che è risultata positiva, o quando o dove è successo, ma solo se siamo a rischio. Nessuna informazione di identificazione personale sarà accessibile da Apple o Google.

I due colossi informatici hanno affermato che l’accesso sarà concesso solo alle autorità sanitarie pubbliche e che le loro app rispetteranno la sicurezza e la privacy per qualificarsi, motivo per cui alcuni paesi e stati potrebbero decidere di procedere autonomamente.