drone-uv

Gli scienziati di Galway e Limerick hanno sviluppato un drone ultravioletto per sterilizzare le superfici pubbliche e contribuire a ridurre la trasmissione del coronavirus. Il drone autonomo opererà attraverso una vasta gamma di aree pubbliche principalmente di notte, quando non ci sono persone in giro.

Proprio l’anno scorso, un gruppo di scienziati irlandesi ha avuto un primato mondiale con il progetto sul drone del diabete: un calo di insulina nelle Isole Aran. Quando quei pacchi di medicinali arrivarono sani e salvi sul drone ad alettoni bianchi, tutti concordarono sul fatto che il velivolo fosse effettivamente atterrato.

Ora lo stesso team di NUI Galway e l’Università di Limerick sono tornati con un altro progetto, questa volta di drone innovativo per combattere il Covid-19. Questa volta trasmettendo luce ultravioletta.

 

Il progetto

L’industria medica ha una lunga storia in materia di capacità di ripulire gli oggetti con i raggi UV. Ma questo è dannoso per l’uomo e deve essere eseguito in un ambiente molto controllato.

Il drone si accende di notte quando non ci sono persone nelle aree da pulire. Il velivolo ha un percorso pre-programmato da sorvolare con il compito di rifornire luce UV sterilizzante, lasciando gli spazi pubblici sanificati per il giorno seguente. Il professor Derek O’Keeffe descrive le università come “fabbriche di idee” e ha affermato che la sfida per il team di clinici, ingegneri e scienziati era quella di trovare un modo per pulire le superfici irregolari in diversi spazi pubblici. Per far ciò, hanno usato la loro esperienza per sviluppare un drone in grado di trasportare luce ultravioletta e quindi pulire autonomamente un’area pubblica quando non occupata.

Programmiamo il drone per funzionare di notte quando non c’è nessuno in giro perché stiamo usando la banda di luce ultravioletta C, che è dannosa per la pelle. Il drone si accende e vola su un percorso predefinito come una stazione della metropolitana, ad esempio. Pulisce l’area fornendo la luce UV ed è ecologico rispetto ai prodotti chimici. Quindi, una volta terminata la pulizia e la sanificazione dell’area, ritorna e atterra di nuovo per essere caricato e pronto per il giorno successivo“.

Il team di ricerca afferma che quest’ultimo progetto di drone fa parte di una soluzione, una cassetta degli attrezzi più grande, per cercare di sconfiggere il Covid-19 e altri microrganismi nel nostro ambiente. Dicono che non esiste una soluzione definitiva, ma tutte queste diverse tecniche aiutano e mostrano nuovi modi di fare le cose. L’attuale tecnologia per gli ultravioletti tende ad essere implementata lateralmente come nei cilindri e nei robot che si muovono su ruote.

Ciò che offriamo è un modo per fornire una luce dall’alto come si farebbe in una stanza. Le luci sono tutte nei soffitti perché la luce può disperdersi ulteriormente quando proviene da un’altezza. Pensiamo che sia una soluzione innovativa ed è grandioso che abbiamo un team per testarlo e svilupparlo qui alla NUI Galway“.

Il progetto è guidato dal professor O’Keefe e dal dott. Ted Vaughan, con il dott. Kevin Johnson dell’Università di Limerick. Si aspettano di vedere la loro nuova tecnologia dei droni implementata in una varietà di spazi pubblici come mense, casse presso centri commerciali, terminal aeroportuali, stazioni ferroviarie, bagni pubblici e così via.