nucleo-terra

Un nuovo studio suggerisce che il nucleo della Terra potrebbe ospitare una grande quantità di acqua all’interno. Secondo i ricercatori, la quantità può raggiungere l’equivalente di cinque oceani. Molti studi dimostrano che, sotto i nostri piedi, più in profondità degli abissi dei mari e degli oceani, ci sono grandi riserve d’acqua. Vi sono anche prove del fatto che l’elemento liquido sia “incorporato” nei minerali del mantello, specialmente nella zona di transizione, tra 400 e 700 chilometri di profondità.

Da questo punto in poi, la Terra diventa relativamente “secca”. Tuttavia, un nuovo studio garantisce che ci sarebbe più acqua all’interno del nuovo pianeta, nascosto nel nucleo, e tale da ospitare l’equivalente di cinque oceani al suo interno.

 

La ricerca

La ricerca, guidata da Yunguo Li, ricercatore associato presso la Facoltà di Matematica e Fisica dell’University College di Londra, pubblicata a maggio sulla rivista scientifica Nature Geoscience, potrebbe rivoluzionare ciò che sappiamo della quantità di acqua che la Terra ospita e delle sue origini.

Ci sono ancora grandi incertezze, ma c’è sicuramente più acqua sotto la superficie. Il nostro studio indica che il nucleo è la più grande riserva d’acqua sulla Terra” , ha detto Li, spiegando che questo liquido sarebbe presente negli atomi del soluto, “diluito” nel ferro fuso nel nucleo.

Il principale svantaggio di questa teoria è che, a differenza del mantello, è ancora impossibile ottenere un campione dal centro della Terra. “In laboratorio, gli scienziati hanno cercato di simulare l’ambiente di formazione del nucleo, ma finora la pressione è molto inferiore a questa condizione e le conclusioni sembrano essere contraddittorie“, ha affermato Li.

La ricreazione dell’origine della formazione del nucleo in questo stadio primario può essere la chiave della presenza di acqua, non solo lì, ma anche nel resto del pianeta.

Secondo gli scienziati, la quantità di acqua nel nucleo dipende da due fattori: il coefficiente di ripartizione dell’acqua tra il materiale del nucleo e il materiale del mantello – cioè dove l’acqua “preferisce” andare. Ci sono minerali come la ringwoodite, che sono abbastanza solubili e popolano il mantello. Il ferro liquido si trova nel nucleo. D’altra parte, dipende anche dalla quantità di acqua presente durante il processo di separazione tra il nucleo e il mantello, una fase che si è verificata all’inizio della creazione del nostro pianeta.

Il team ha calcolato la distribuzione dell’acqua tra ferro e silicato fuso ad alte pressioni e temperature, utilizzando la dinamica molecolare e le tecniche di integrazione termodinamica. “L’acqua preferisce la fusione del silicato rispetto ai minerali solidi. In altre parole, l’acqua preferisce anche andare al nocciolo anziché ai minerali del mantello, come la ringwoodite”, ha spiegato Li.

Il team ha stabilito che la maggior parte dell’acqua avrebbe raggiunto il nucleo durante la divisione dell’interno della Terra. “Inoltre, le piastre di subduzione trasportano acqua, che entra anche nel nucleo“, ha detto Li. Ecco come lo studio mostra che il nucleo deve avere “una notevole quantità di acqua“.

Li e il suo team affermano che la loro ricerca indica che “quando il nucleo ha iniziato a separarsi dal mantello sotto forma di ferro liquido, la maggior parte dell’acqua presente durante quel processo è stata attratta dai sacchi di ferro liquido e affondò forma il nucleo”.

Tuttavia, la questione di quanta acqua è presente nel nucleo rimane una domanda senza risposta. “Il nostro studio non è in grado di fornire una risposta definitiva. Dipende dal modello di accumulo della Terra: quanta acqua aveva raggiunto la Terra prima della separazione tra il nucleo e il mantello“, ha ammesso Li. “Ma sulla base degli studi più recenti sugli isotopi e sul modello di accrescimento della Terra, potrebbero esserci più di cinque oceani nel nucleo“.

Pertanto, la stessa quantità di acqua che circonda i continenti può essere nascosta in profondità all’interno della Terra.