mascherine-arabi

Ancor prima che le mascherine diventassero così comuni durante questa pandemia da Covid-19, i guaritori islamici avevano già la loro versione dei dispositivi di protezione individuale. Proprio come molti ora indossano mascherine ed eseguono esercizi di respirazione per proteggersi, anche il mondo islamico si è rivolto a dispositivi di protezione e rituali in tempi pre-moderni di angoscia.

Dall’XI al XIX secolo, le culture musulmane hanno assistito all’uso di scodelle magiche, collane curative e altri oggetti, nella speranza di prevenire siccità, carestie, inondazioni e persino malattie epidemiche. Molti di questi amuleti e talismani sono oggetti meravigliosamente creati. E sebbene siano ora ampiamente visti come reliquie della credenza popolare e della superstizione, nell’era pre-moderna, questi oggetti rituali sono emersi dalle sfere d’élite della conoscenza, della scienza e dell’arte islamica.

 

Dispositivi di protezione individuale islamici

L’espressione “dispositivi di protezione individuale” (DPI) è diventata parte della nostra vita, mentre guardiamo i professionisti sanitari in prima linea dotati di visiere, mascherine e guanti per proteggersi dal Covid-19.

Prima della teoria del germe della malattia, nelle terre islamiche, le epidemie erano spesso viste come una corruzione pestilenziale dell’aria, attraverso la quale spiriti “bagnati” entravano nel corpo umano. Alcuni pensatori islamici medievali hanno anche pensato che la peste fosse causata da angeli neri che lanciavano frecce invisibili.

A protezione del suo utente da una serie di attacchi, il DPI islamico pre-moderno per eccellenza era la camicia talismana, un indumento in tessuto con testo sacro e spesso usato in guerra. Ricoperto di quadrati, numeri e disegni, queste camicie erano “trasportate come un amuleto“, il che significava che erano considerate in grado di proteggere fisicamente le persone da malattie e morte.

Un gruppo di camicie talismane dell’Asia meridionale del XV e XVI secolo mostra l’intero testo del Corano, nonché tutti i nomi di Dio. Leggendo ad alta voce, questi nomi trasformerebbero la camicia in una sorta di “rosario tessile“, secondo la ricercatrice di studi religiosi Rose Muravchick, permettendo al suo proprietario di recitare una pia litania in onore di Dio.

Altri DPI islamici medievali includevano la pergamena in miniatura del talismano – un minuscolo rotolo di versetti coranici su carta accessibile e stampata in blocco – e disegni di amuleti, come il sigillo a sei punte di Salomone.

Pergamene e amuleti del Corano erano portati intorno al collo o altrimenti attaccati al corpo, suggerendo che si riteneva che il contatto fisico con l’oggetto sbloccasse le benedizioni o la forza vitale, noto come “baraka” in arabo.

Forse il più rilevante della pandemia di oggi è stato il talismano islamico anti-peste, noto come il “Giardino dei nomi“, usato in tutto il mondo islamico e particolarmente popolare nelle terre ottomane.

 

Guarigione islamica attuale

Le arti tradizionali della protezione e della guarigione islamica hanno largamente lasciato il posto alla medicina e alla tecnologia moderne. Ma oggetti che fungevano da amuleti e pratiche omeopatiche esistono ancora nel mondo islamico, come in molte culture religiose in tutto il mondo. Alcuni musulmani usano ancora ciotole medicinali magiche a casa o sono persino venduti su eBay.

Come la preghiera o la meditazione – che può avere un effetto placebo, portando benefici reali alla mente e al corpo – i musulmani che affrontano malattie o altre crisi hanno trovato forza e conforto negli oggetti religiosi per quasi un millennio.

Anche come oggetti d’arte, questi manufatti parlano del desiderio umano di cercare conforto e guarigione nella creatività e nel design. Questa è una caratteristica della pandemia di oggi.