titano saturno

Titano, la più grande luna di Saturno, si sta allontanando dal suo pianeta più velocemente del previsto, secondo un nuovo studio. La luna gigante non è sola in questo comportamento; altre lune tra le 150 conosciute nel nostro sistema solare si stanno lentamente allontanando dai pianeti su cui orbitano, inclusa la nostra. La luna della Terra si sposta di circa 1,5 pollici di distanza ogni anno, secondo la NASA. Ciò è causato dalla gravità della luna che crea un rigonfiamento temporaneo nel pianeta. Quell’energia spinge la luna più lontano.

I dati raccolti durante la missione Cassini-Huygens della NASA per studiare Saturno e alcune delle sue lune hanno rivelato che il tasso di migrazione di Titano è pari a circa 4 pollici all’anno. Lo studio è stato pubblicato lunedì sulla rivista Nature Astronomy. Saturno, il secondo pianeta più grande del nostro sistema solare, probabilmente si è formato 4,6 miliardi di anni fa. Attualmente, il pianeta ha 82 lune.

Titano, che è più grande del pianeta Mercurio, orbita attorno a Saturno a una distanza di 759.000 miglia. E se si stava allontanando rapidamente dal pianeta ogni anno, Titano era probabilmente molto più vicino a Saturno miliardi di anni fa. Ciò implica che anche l’intero sistema planetario di Saturno si sia espanso rapidamente.

 

Titano, il mistero della velocità di spostamento

Le stelle di sfondo nelle immagini catturate dalla sonda Cassini hanno aiutato i ricercatori a seguire Titano. Questo è stato anche confrontato con i dati radio raccolti da Cassini su Saturno tra il 2006 e il 2016. Insieme, questi hanno mostrato il cambiamento nell’orbita di Titano mentre si sposta verso l’esterno. Jim Fuller, un astrofisico teorico della California ha lanciato una teoria secondo cui le lune interne ed esterne dei pianeti migrano via a ritmi simili. Entrambi i tipi di lune restano bloccate in orbite legate alla oscillazione del pianeta, che li allontana.

La teoria di Fuller ha cambiato la visione a lungo prevalente secondo cui le lune esterne migravano più lentamente delle lune interne. Questa idea si basava sul fatto che le lune esterne sono più distanti dalla gravità del loro pianeta. Titano è unico nel nostro sistema solare. È l’unica luna conosciuta con una notevole atmosfera e l’unico corpo planetario oltre alla Terra con fiumi e laghi liquidi sulla sua superficie.

titano saturno

In futuro la luna di Saturno potrebbe ospitare la vita così come la conosciamo

Nel 2026, la NASA lancerà la missione Dragonfly per indagare ulteriormente su Titano. Arriverà sulla luna entro il 2034. Il drone delle dimensioni di un rover su Marte sarà in grado di volare attraverso la fitta atmosfera di Titano per circa due anni e mezzo. L’obiettivo finale è visitare un cratere dove credono che ingredienti importanti per la vita si siano mescolati insieme quando qualcosa ha colpito Titano in passato.

Titano ha tutto ciò che serve per ospitare la vita. Ha molecole organiche complesse e l’energia necessaria per la vita. Lo studio sulla sua superficie fornirà l’opportunità di osservare processi simili a ciò che è accaduto sulla Terra primitiva. Forse potremo scoprire potenziali condizioni che permetterebbero la vita così come la conosciamo oggi.