diffusione_covid

Il coronavirus rimane un mistero per diversi aspetti, poiché ci sono molti dettagli che non conosciamo al suo riguardo e al suo contagio. A poco a poco la scienza è riuscita a scoprirli, ma ci sono ancora diversi punti che non sono noti in profondità. Una delle indagini più recenti pubblicate dal CDC (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie) nella sua sezione sulle malattie infettive emergenti potrebbe far luce su questo argomento.

Lo studio ha analizzato 58 città in Cina, dove la presenza del COVID-19 è stata rilevata come uno spazio di ricerca. Quindi, nell’ambito dell’Università del Texas (UT), i ricercatori si sono dedicati allo studio della relazione tra il tempo di contagio e la durata dell’epidemia con la prontezza con cui hanno preso provvedimenti.

 

Un rapporto 2 a 1

Grazie a questa indagine, è stato possibile rilevare che, per ogni giorno in cui le misure di contenimento di COVID-19 sono state ritardate, come il confinamento o il distanziamento sociale, il tempo del diffondersi potrebbe essere esteso fino a 2,4 giorni in più.

Di conseguenza, ogni momento trascorso non prendendo misure, significava il doppio degli investimenti successivi per contenere e controllare il virus. Ciò includeva anche il trattamento dei malati e le rigide politiche di restrizioni sociali. La professoressa Lauren Ancel Meyers, che dirige il consorzio di modellizzazione COVID-19 UT Austin, ha poi commentato che agire in anticipo potrebbe diventare un modo sicuro per “salvare vite umane“.

 

La “seconda ondata” non sarà diversa

Un punto culminante della ricerca è che questo modello ha dimostrato non solo di corrispondere con le città il cui scoppio era solo all’inizio, ma anche con quelle che si trovavano nel mezzo di una epidemia. Pertanto, anche quando vengono applicate misure in tali situazioni, viene presa una decisione che potrebbe evitare contagi e problemi a lungo termine.

Per il professor Meyers questo è particolarmente degno di nota ora che si parla di una possibile seconda ondata di COVID-19 nei prossimi mesi. Sapere che agire rapidamente potrebbe ridurre della metà la durata di un focolaio potrebbe incoraggiare le autorità a muoversi rapidamente.

In questo modo, nonostante vengano applicate misure rigorose, si può garantire che queste non durino tanto a lungo, poiché la malattia sarà contenuta molto più velocemente. Di conseguenza, potrebbero essere sviluppate strategie molto più efficienti per la seconda ondata che ne riducono la durata, riducono le infezioni e le vittime da esso prodotte.

 

Un cambiamento che salverà delle vite

Queste modifiche potrebbero essere particolarmente utili per i settori più a rischio o in cui il contagio è generalmente più accelerato. In altre parole, spazi come anziani, scuole, università e carceri potrebbero essere più protetti.

Agendo più rapidamente, il virus viene rimosso dalla diffusione tra più individui. Che a lungo andare causerà l’arresto naturale delle catene di contagio fino a due volte più veloce che senza azione.