esa sonda spaziale sole

La sonda Solar Orbiter dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) è riuscita a catturare alcune immagini del Sole ad una distanza ravvicinata mai vista. La sonda è arrivata a 77 milioni di chilometri dalla superficie della stella, circa la metà della distanza tra la Terra e il Sole. Durante il suo approccio, ha scattato le immagini più vicine del Sole mai catturate, le quali verranno rilasciate a metà luglio.

“Non abbiamo mai fotografato il Sole da una distanza simile”, ha affermato lo scienziato dell’ESA Daniel Müller. Rispetto ai classici telescopi solari terrestri questo veicolo spaziale è stato in grado di ottenere un aspetto molto più chiaro dallo spazio, non ostruito dall’atmosfera terrestre.

“Per la prima volta, saremo in grado di vedere le varie parti del Sole tra cui la superficie, l’atmosfera esterna, la corona e la più ampia eliosfera attorno ad esso,” ha aggiunto Müller. Gli scienziati saranno anche in grado di dare una sbirciatina alla struttura e alla composizione dei venti solari.

esa sonda spaziale sole

Il Solar Orbiter presto si avvicinerà ancora di più al Sole

Il Solar Orbiter si avvicinerà ancora di più al Sole in seguito, avvicinandosi a 42 milioni di chilometri, più vicino di Mercurio. Il record appartiene ancora alla sonda solare Parker della NASA. A novembre 2018 l’oggetto artificiale è stato a soli 24 milioni di chilometri dalla superficie del Sole.

Le immagini scattate dal Solar Orbiter impiegheranno una settimana per percorrere i 134 milioni di chilometri sulla Terra. Le immagini verranno quindi elaborate e rese pubbliche a metà luglio.