antichità molluschi

Secondo uno studio alcuni antichi pionieri sono migrati dall’Africa all’Arabia, circa 5.000 anni fa, banchettando con dei molluschi come mezzo per sopravvivere alla grave siccità. Gli archeologi dell’Università di York hanno studiato scogliere fossili, vicino alle coste del Mar Rosso, ormai sommerse che segnavano le rotte migratorie preistoriche.

Queste rotte portarono i nostri antenati fuori dall’Africa e verso l’Arabia alla fine dell’età della pietra e la costa offriva risorse sufficienti per rendere il viaggio sostenibile. Il team di ricerca ha scoperto che durante i periodi di scarse piogge, quando altre fonti di cibo erano scarse, le persone si rivolgevano ai molluschi per il sostentamento.

 

Antichità, i molluschi davano sostentamento durante la siccità

Il team ha concentrato il proprio studio sui resti di 15.000 conchiglie di creature marine risalenti a 5.000 anni fa ad un periodo arido nella regione. I molluschi marini sono stati una fonte di cibo per oltre 164.000 anni. Tuttavia essere in grado di studiare modelli e tendenze ha ostacolato il fatto che le aree che sono state consumate sono sommerse o sono state distrutte dal cambiamento del livello del mare.

Ciò ha portato i ricercatori di York a trovare un nuovo modo per monitorare il consumo di molluschi. “Le informazioni ecologiche sulla resilienza delle risorse intertidali sono cruciali per valutare quanto fossero attraenti per gli esseri umani passati come fonte di cibo a lungo termine”.

Di particolare interesse è il Mar Rosso meridionale e la sua funzione di passaggio meridionale dall’Africa verso l’Arabia durante un periodo di aridità. Con la costa delle rotte migratorie originali sommerse dall’innalzamento del livello del mare dopo l’ultima era glaciale, il team ha studiato conchiglie sulle isole Farasan in Arabia Saudita.

I ricercatori hanno scoperto che le popolazioni di molluschi marini erano abbastanza abbondanti da consentire raccolti continui senza impatti ecologici importanti. Secondo l’autore principale, il dott. Niklas Hausmann, la loro abbondante disponibilità avrebbe permesso alle persone di vivere periodi di siccità, come è stato sperimentato durante questa migrazione circa 5.000 anni fa.

molluschi

Il Mar Rosso come importante nodo di migrazione nel tempo

La disponibilità di risorse alimentari svolge un ruolo importante nella comprensione della fattibilità delle passate migrazioni umane. Ad esempio, le migrazioni di cacciatori-raccoglitori avrebbero richiesto fonti alimentari locali e periodi di aridità avrebbero potuto limitare questi movimenti.

Lo studio suggerisce che le coste del Mar Rosso avevano le risorse necessarie per fornire un passaggio alle persone preistoriche. Il team ha affermato che i loro risultati suggeriscono che i molluschi potrebbero essere stati utilizzati in migrazioni molto precedenti dall’Africa.

Il Mar Rosso meridionale ha funzionato come un nodo importante nella rete della migrazione umana nel tempo, in particolare durante la tarda età della pietra. Lo studio conferma anche che le comunità stanziate sulle coste del Mar Rosso avrebbero potuto fare affidamento sui molluschi come risorsa alimentare sostenibile tutto l’anno.

Era un’epoca in cui molte altre risorse alimentari, in particolare quelle terrestri, erano scarse e così le persone si rivolgevano al mare. Precedenti studi hanno dimostrato che le persone del Mar Rosso meridionale mangiavano molluschi tutto l’anno e per periodi di migliaia di anni. Sappiamo anche che questa risorsa non è stata esaurita da loro, ma i molluschi hanno continuato a mantenere una popolazione sana.

Le specie di molluschi trovati nei siti archeologici delle Isole Farasan erano presenti anche  nelle scogliere fossili risalenti a oltre 100.000 anni fa. Ciò suggerisce che questi molluschi sono stati una risorsa disponibile per periodi più lunghi rispetto ai siti archeologici precedentemente suggeriti.

molluschi

Le coste marine fondamentali per la sopravvivenza

Co-autore dello studio, Matthew Meredith-Williams, dell’Università di La Trobe, ha affermato che è importante guardare a ciò che sta accadendo sulla terra e sul mare. “Sappiamo che modellare i climi del passato per conoscere le risorse alimentari è estremamente utile. Tuttavia dobbiamo distinguere tra ciò che sta accadendo sulla terra e ciò che sta accadendo in acqua”.

Nello studio dimostrano che i cibi marini erano abbondanti e resistenti e venivano raccolti da persone quando non potevano fare affidamento sul cibo terrestre. Le coste del Mar Rosso meridionale sono variabili e hanno subito spostamenti dinamici e trasformazioni geomorfologiche in passato.

Il fatto che queste risorse non siano influenzate da condizioni aride, aggiunge un ulteriore fattore di complicazione secondo cui gli eventi di dispersione passati erano limitati a periodi di maggiore disponibilità di umidità. I dati hanno mostrato che anche con la raccolta annuale per lunghi periodi, i letti di molluschi non sono stati influenzati negativamente.

La diversità e l’abbondanza di molluschi presenti indicano un ricco ambiente ecologico che non è influenzato dalle condizioni aride dell’ambiente terrestre, fornendo risorse sostenibili per integrare una dieta mista.