ossigeno verde marte

L’orbita dell’Agenzia spaziale europea ha fatto il giro di Marte per quasi quattro anni e recentemente ha fatto una scoperta sorprendente: l’ossigeno verde brillante nell’atmosfera. Gli astronomi hanno previsto l’esistenza dell’emissione per 40 anni, ma ora ha la prova della sua presenza.

Il bagliore è risultato essere il più forte ed è causato dalla luce solare che si combina con atomi e molecole nell’aria. Non solo è la prima volta che le emissioni sono state individuate su Marte, ma è anche l’unico caso riscontrato su qualsiasi altro pianeta del sistema solare.

 

L’ossigeno verde, l’unico caso riscontrato di tutto il Sistema Solare

La Terra ha un bagliore notturno che è stato visto dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ma appare più debole di quello che è stato visto intorno a Marte. Jean-Claude Gérard, autore principale del nuovo studio, ha dichiarato: “Una delle emissioni più brillanti viste sulla Terra deriva dal bagliore notturno. Più specificamente, dagli atomi di ossigeno che emettono una particolare lunghezza d’onda della luce che non è mai stata vista in giro per un altro pianeta.

L’ExoMars Trace Orbiter (TGO) dell’ESA ha catturato la straordinaria immagine del bagliore verde attorno al Pianeta Rosso mentre faceva il giro del pianeta da aprile a dicembre 2019. Il team ha utilizzato la suite avanzata di strumenti dell’orbita, nota come NOMAD, e includeva lo spettrometro ultravioletto e visibile (UVIS) per scansionare l’atmosfera marziana.

La co-autrice Ann Carine Vandaele ha dichiarato che le osservazioni precedenti non avevano catturato alcun tipo di bagliore verde su Marte. Quindi hanno deciso di riorientare il canale UVIS nadir verso Marte, simile alla prospettiva che vediamo nelle immagini della Terra prese dalla ISS. L’emissione era più forte ad un’altitudine di circa 262.000 piedi e variava a seconda della distanza variabile tra Marte e il Sole.

ossigeno verde

Anche intorno alla Terra avviene questo fenomeno

Gérard e la sua squadra hanno ulteriormente studiato il verde brillante di Marte e confrontato con ciò che si osserva intorno alla Terra. “Abbiamo modellato questa emissione e scoperto che è principalmente prodotto come biossido di carbonio, o CO2, è suddiviso nelle sue parti costituenti: monossido di carbonio e ossigeno. Abbiamo visto gli atomi di ossigeno risultanti brillare sia in luce visibile che ultravioletta.”

Nel confrontare i due tipi di emissioni hanno scoperto che l’emissione visibile era 16,5 volte più forte dell’ultravioletto. Il team comprende che devono essere condotte ulteriori analisi, per scoprire i segreti che si trovano nell’atmosfera di Marte, un’area che è rimasta inesplorata. Scoprire le proprietà dell’atmosfera è necessario per inviare con successo i satelliti per sondare Marte.

“La densità atmosferica, influenza direttamente la resistenza sperimentata dall’orbita dei satelliti e dai paracadute utilizzati per inviare sonde sulla superficie marziana”, afferma l’ESA in una nota. Il Trace Gas Orbiter è uno sforzo congiunto tra ESA e Roscosmos ed è arrivato su Marte il 19 ottobre 2016. L’obiettivo principale di TGO è quello di fare un inventario dettagliato di gas rari dell’atmosfera, tra cui metano, vapore acqueo, biossido di azoto e acetilene.