oceano co2

I cambiamenti nell’atmosfera causati dall’uomo influenzano fortemente la velocità con cui l’oceano assorbe CO2, afferma un nuovo studio. L’oceano è così sensibile ai cambiamenti come il calo delle emissioni di gas serra che risponde immediatamente assorbendo meno anidride carbonica.

Gli autori affermano che presto potrebbe succedere a causa della pandemia di COVID-19 che riduce il consumo globale di carburante; prevedono che l’oceano non continuerà il suo recente modello storico di assorbire più anidride carbonica ogni anno rispetto all’anno precedente e potrebbe addirittura assorbire meno nel 2020 rispetto al 2019.

 

L’oceano e la riduzione di CO2

“Fino a quando non abbiamo fatto questo lavoro, non ci siamo resi conto che queste forzature esterne, come i cambiamenti nella crescita del biossido di carbonio atmosferico, dominano la variabilità nell’oceano globale su scala temporale annuale. È una vera sorpresa”, ha detto l’autore principale Galen McKinley della Columbia University.

Poiché riduciamo le nostre emissioni e il tasso di crescita dell’anidride carbonica atmosferica rallenta, è importante rendersi conto che il dissipatore di carbonio oceanico risponderà rallentando. Il documento, pubblicato sulla rivista AGU Advances , risolve ampiamente l’incertezza su ciò che ha spinto l’oceano ad assorbire quantità variabili di carbonio negli ultimi 30 anni.

I risultati consentiranno misurazioni e proiezioni più accurate di quanto il pianeta potrebbe riscaldarsi e di quanto l’oceano potrebbe compensare i cambiamenti climatici in futuro. Un dissipatore di carbonio è un sistema naturale che assorbe l’eccesso di anidride carbonica dall’atmosfera e lo immagazzina.

Il più grande pozzo di carbonio della Terra è l’oceano. Di conseguenza, svolge un ruolo fondamentale nel contenere gli effetti dei cambiamenti climatici causati dall’uomo. Quasi il 40 percento del biossido di carbonio aggiunto all’atmosfera dalla combustione di combustibili fossili dagli albori dell’era industriale è stato assorbito dall’oceano.

C’è variabilità nella velocità con cui l’oceano assorbe anidride carbonica, che non è del tutto chiaro. In particolare, la comunità scientifica ha sconcertato il motivo per cui l’oceano ha assorbito brevemente più anidride carbonica nei primi anni ’90 e poi ha lentamente assorbito meno fino al 2001, un fenomeno verificato da numerose osservazioni e modelli oceanici.

oceano co2

La riduzione di emissione di carbonio deriva dalla crescita di CO2

Gli autori hanno affrontato questa domanda utilizzando un modello diagnostico per visualizzare e analizzare diversi scenari che avrebbero potuto favorire un maggiore e minore assorbimento di carbonio tra il 1980 e il 2017. Hanno scoperto che il ridotto assorbimento di carbonio negli oceani degli anni ’90 può essere spiegato dalla crescita rallentata tasso di anidride carbonica atmosferica all’inizio del decennio.

Tuttavia un altro evento ha interessato anche il carbon sink: la massiccia eruzione del Monte Pinatubo nelle Filippine nel 1991 ha causato il temporaneo molto più grande coincidente con l’eruzione. “Uno dei principali risultati di questo lavoro è che gli effetti climatici delle eruzioni vulcaniche come quelle del Monte Pinatubo possono svolgere un ruolo importante nel guidare la variabilità del dissipatore di carbonio nell’oceano”, ha detto Yassir Eddebbar, uno studioso post-dottorato presso Scripps Institution of Oceanografia.

I ricercatori hanno scoperto che le emissioni di Pinatubo hanno indotto l’oceano a assorbire più carbonio nel 1992 e nel 1993. Il pozzo di carbonio è lentamente diminuito fino al 2001, quando l’attività umana ha iniziato a pompare più anidride carbonica nell’atmosfera. L’oceano ha risposto assorbendo queste emissioni in eccesso.

Indagare su come l’eruzione del Pinatubo abbia avuto un impatto sul clima globale, e quindi sul consumo di carbonio nell’oceano, e se il calo delle emissioni dovuto al COVID-19 si riflette nell’oceano sono tra i prossimi piani del team di ricerca. Comprendendo la variabilità del dissipatore di carbonio oceanico, gli scienziati possono continuare a perfezionare le proiezioni su come il sistema oceanico rallenterà.

McKinley avverte che man mano che le emissioni globali verranno ridotte, ci sarà una fase intermedia in cui il dissipatore di carbonio oceanico rallenterà e non compenserà i cambiamenti climatici come in passato. Quell’anidride carbonica in più rimarrà nell’atmosfera e contribuirà al riscaldamento aggiuntivo, che potrebbe sorprendere alcune persone.