cavalli-namibia

Il deserto della Namibia è un santuario per i cavalli selvaggi, anche se non si sa come o perché. Ciò che è noto è che gli animali affronteranno un futuro pericoloso. Il cavallo del deserto della Namibia è una rara specie selvaggia trovata nel deserto del Paese africano. È probabilmente l’unica mandria di cavalli che risiede in Africa. Sebbene esistano diverse teorie, l’origine dei cavalli del deserto della Namibia non è chiara. Sono stati condotti numerosi test genetici, sebbene nessuno ne abbia completamente spiegato l’origine.

Una teoria sostiene che gli esploratori di diamanti portarono i cavalli in campi minerari abbandonati più di un secolo fa. Un’altra teoria, secondo l’autore e storico Manni Goldbeck, sostiene che gli animali arrivarono con soldati sudafricani, che nel 1915 sbarcarono a Luderitz. Più tardi, le truppe furono bombardate, spargendo cavalli attraverso il deserto costiero della Namibia, dove rimasero.

Qualunque sia la loro origine, i cavalli alla fine si radunarono nelle pianure del Garub, vicino ad Aus, in Namibia, dove sorgeva una fonte d’acqua artificiale. Gli animali sono normalmente ignorati dagli umani, tranne durante una periodica minaccia di eradicazione a causa della possibilità che possano distruggere l’habitat degli erbivori autoctoni.

Nel 1984 fu effettuata la prima rilevazione aerea della popolazione e nel 1986 i loro pascoli tradizionali furono incorporati nel Parco Namib-Naukluft. Diverse volte, alcuni cavalli furono rimossi dalla mandria, con oltre un terzo della popolazione venduta nel 1992. Dall’inizio degli anni ’90, sono stati mantenuti dati accurati sulla popolazione e sono stati condotti studi per determinare l’effetto dei cavalli sull’ambiente.

Nonostante siano considerate specie esotiche all’interno del parco, i cavalli possono rimanere a causa dei loro legami con la storia del Paese e perché sono usati come attrazione turistica.

 

Ora i cavalli sono in pericolo

La situazione ha sollevato preoccupazioni nella vicina comunità di Aus. Gli animali sono la linfa vitale dell’economia, attirando i turisti che in questo modo possono ammirarli nel loro habitat in mezzo alle dune di sabbia aspre e nelle aride pianure del Garub.

Secondo il biologo Telane Greyling, la popolazione di cavalli selvaggi è scesa da 286 nel 2012 a soli 65 anni. Il futuro della mandria si basa su alcuni preziosi puledri, ma solo uno, chiamato Zohra, è sopravvissuto per vedere il suo primo compleanno negli ultimi sette anni.

Storicamente, i cavalli hanno affrontato diverse battaglie. Negli anni ’80, i nuovi confini del parco tagliarono parte della sua area. All’inizio degli anni ’90, una siccità prolungata uccise alcuni cavalli.

Negli ultimi 20 anni, le iene macchiate sono state una preoccupazione. “Nel 2000, hanno catturato circa due puledri“, ha detto Greyling. Nel 2012 sono nati 50 puledri e, alla fine del 2012, le iene hanno iniziato ad attaccare i puledri. “Alla fine del 2013, hanno teso un’imboscata a un cavallo adulto“.

Le iene sono state le responsabili di decine di morti dei cavalli. A complicare la situazione, anche i predatori sono in pericolo. “In molte aree, come la Namibia, le iene sono vulnerabili all’estinzione”, ha affermato Karl Fester, un ricercatore della Namibian Conservation Foundation, che stima che il numero di iene nel Paese sia sceso da 2.000 a 3.000 nel 1998 a meno di 1.000 in 2019.

Le due specie hanno creato un puzzle di conservazione. All’inizio del 2019, il Ministero dell’Ambiente e del Turismo ha riferito di aver ucciso tre iene che probabilmente avrebbero attaccato i puledri dopo che i tentativi di trasferirli erano falliti. L’atto ha suscitato polemiche tra alcuni ambientalisti.

L’anno scorso, il ministero ha elaborato un piano di gestione per il periodo 2020-2029 per i cavalli namibiani, che comprende cibo e acqua supplementari e gestione dei predatori. Le iene non saranno uccise o catturate, ma spaventate.

Secondo il piano, i cavalli non sarebbero stati spostati dal loro habitat, ma in periodi di siccità e gravi predazioni, le dune su cui cavalcare saranno circondate.

Quando la pandemia sarà finita e i turisti torneranno, si spera che potranno vedere Zohra e i sei nuovi puledri di quest’anno. La siccità che ha ucciso altri cavalli è finita e sulla pianura crescono piccoli ciuffi d’erba.

Tuttavia, un singolo anno positivo non cancella i problemi a lungo termine. “Anche senza predazione, è il divario di sette anni tra le generazioni che minaccia il futuro della popolazione“, ha spiegato Greyling. “Ciò significa che, nel 2026, non ci sarà una cavalla nella fascia di età dai 7 ai 15 anni, che è la principale età riproduttiva della popolazione“.

Spero e sarò felice se sbaglio, ma il futuro di cavalli e iene è molto incerto in questo momento“, ha concluso.