yucatan-bradipo

Un team di scienziati dell’Università della California a San Diego, negli Stati Uniti, ha trovato un fossile di un bradipo gigante sul fondo di un cenote (tipica grotta naturale sommersa), in Messico.

In una nota pubblicata sul sito web dell’università, gli scienziati affermano che il fossile ha circa 40.000 anni e appartiene a una specie di bradipo gigante che fino ad ora era sconosciuta. Parti dello scheletro fossilizzato hanno trascorso migliaia di anni “nascosti” nel cenote Hoyo Negro, che fa parte di un sistema di grotte nella penisola dello Yucatan.

Nel 2007, lo scheletro dell’animale è stato scoperto quasi nella sua interezza, ma frammentato da scienziati e subacquei dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico (INAH), che non sono stati in grado di accertare immediatamente quale animale sarebbe stato.

 

Negli ultimi anni, sono stati trovati più frammenti di questo “puzzle”

Nel corso della spedizione più recente, affermano gli scienziati, è stato possibile trovare l’articolazione dell’anca: è un frammento di 36 chilogrammi e largo 1,2 metri. Grazie a questa parte del fossile ora trovato, che si è unito ad altri frammenti raccolti nel corso degli anni, è stato possibile identificare l’animale.

Secondo gli scienziati, lo scheletro appartiene a una specie finora sconosciuta che è stata recentemente chiamata Nohochichak xibalbahkah. In lingua Maya, il nome significa un “grande artiglio che vive negli inferi“, riferendosi a un bradipo che potrebbe pesare fino a 900 chilogrammi e potrebbe persino raggiungere le dimensioni di un elefante di oggi.

I bradipi giganti dividevano il continente americano con tigri dai denti a sciabola e mammut lanosi, altri animali preistorici. Il bradipo la cui anca è stata ora scoperta potrebbe essere caduto nel cenote messicano ad un’altezza di 30 metri, il che l’avrebbe condannata a morte immediatamente.