nutrizione covid

Esistono poche indicazioni cliniche pratiche per l’assistenza nutrizionale durante il recupero di COVID-19. Anche se può influire sui tempi di recupero e sulla capacità delle persone di tornare a fare le cose che contano di più per loro.

La nutrizione è vitale per mantenere il muscolo scheletrico ed evitare disturbi metabolici e quando i pazienti trascorrono circa due settimane in terapia intensiva, questi possono diventare problemi molto seri.

 

L’importanza della nutrizione per il recupero post-covid

Le difficoltà respiratorie aggiungono un ulteriore livello di complessità, impedendo ai pazienti di mangiare in modo efficace. Un’enorme percentuale di pazienti trattati ha richiesto una ventilazione assistita, rendendo difficile fornire cibo e integratori orali. Ciò ha significato che la nutrizione è dovuta diventare una parte importante del recupero dei pazienti COVID-19.

La ricerca del Professor Riccardo Caccialanza mira a comprendere meglio il ruolo fondamentale dello stato nutrizionale e della nutrizione medica sui risultati del trattamento e del recupero. Speriamo che i risultati della ricerca alla fine porteranno all’adozione di linee guida pratiche sull’integrazione delle cure nutrizionali nel trattamento e nella riabilitazione dei pazienti.

La cura per i pazienti con COVID 19 gravemente malati è simile a quella per i pazienti con diagnosi di insufficienza respiratoria che causa polmonite virale. Ciò che è diverso, tuttavia, è che i pazienti con COVID-19 in condizioni critiche sono spesso ricoverati in terapia intensiva per un periodo molto lungo, che si estende per 2-3 settimane.

nutrizione

I pazienti con grave obesità hanno bisogno di un buon supporto nutrizionale

Sappiamo inoltre che gruppi di pazienti in terapia intensiva che richiedono intubazione, l’assunzione di nutrizione orale può essere inadeguata dopo l’estubazione. Le persone potrebbero non essere in grado di mangiare abbastanza cibo per soddisfare le loro esigenze nutrizionali durante il recupero, contribuendo a un’ulteriore perdita di massa muscolare magra di fino a 1 kg al giorno.

Lo spreco muscolare è la complicazione più comune della malattia critica, che si verifica in circa il 50% dei pazienti, che può allungare notevolmente i tempi di recupero, alterare l’immunità, aumentare il rischio di infezione e causare lo sviluppo di ferite e ulcere da pressione. Per alcuni, persino la mortalità.

Con il progredire della pandemia, abbiamo visto sempre più pazienti che soffrono di condizioni di salute di base, come l’obesità e il diabete. Per questi, l’alimentazione è estremamente complessa. È difficile mantenere questi pazienti in condizioni stabili e ciò che fa la differenza in questo equilibrio è un supporto nutrizionale adeguato e tempestivo.

nutrizione

In che modo un’alimentazione adeguata può migliorare il recupero?

La dimissione dalla terapia intensiva è solo l’inizio di un recupero e la nutrizione medica, se integrata, può avere un impatto positivo sui risultati, nonché sulla qualità della vita dei pazienti. Sappiamo già che la nutrizione medica può contribuire positivamente ai risultati clinici con una varietà di condizioni e malattie. Sfortunatamente, la consapevolezza degli operatori sanitari sul ruolo della nutrizione medica è ancora bassa.

Esistono sfide nell’integrazione della nutrizione nei piani di trattamento e recupero nella maggior parte delle malattie. Potrebbe sembrare ovvio, ma purtroppo la nutrizione è ancora ampiamente trascurata in ambito ospedaliero. In generale, è molto più facile integrare la nutrizione in un piano di recupero. Nell’esperienza di COVID-19, il virus colpisce in modo sproporzionato gli anziani fragili e coloro che sono in sovrappeso o obesi con diabete e ipertensione.

Sono due gruppi di popolazione molto diversi, ma ciò che li collega è la necessità di un intervento nutrizionale. Per coloro che hanno trascorso un lungo periodo di tempo in terapia intensiva, possiamo già vedere i risultati positivi quando la nutrizione fa parte del piano di trattamento e di recupero di un paziente.

Pensiamo che l’esperienza possa davvero aiutare a rendere la nutrizione una maggiore priorità medica, sia per la riabilitazione in ospedale sia per il recupero della comunità post dimissione. È importante che le persone che si riprendono da infezioni COVID-19 meno gravi prendano il tempo necessario per riprendersi, riposare e mangiare bene, il che significa essere consapevoli che un’alimentazione adeguata fa parte del loro recupero da non trascurare.