sito-misterioso-russia

In Russia meridionale, un albero è stato abbattuto e cancellato da un monumentale progetto di costruzione: un insieme di palazzi e di edifici che non sarebbero mai stati usati. Ora i segreti di questo progetto vengono a galla. Le fondamenta rettangolari della struttura sono state costruite a circa 48 chilometri dal confine mongolo, su un’isola nel lago Tere-Khol.

La sua presenza era nota perchè collegata a una pietra vicino al fiume Selenga – una tavola runica con un’iscrizione che dettaglia il luogo, l’insediamento famoso come Por-Bajin – ma non ne è mai stato completamente compreso il motivo.

Un complesso all’incirca delle dimensioni di Buckingham Palace, con pareti di fango alte 10 metri e numerosi cortili accanto ai suoi numerosi edifici, la costruzione dell’VIII secolo produsse pochi manufatti archeologici, di quelli che ci si aspetterebbe da un edificio di quella grandezza.

C’era molto mistero nel sito“, ha dichiarato Margot Kuitems, ricercatore di isotopi all’Università di Groningen e autore principale dello studio. “Chi lo ha costruito? Quando è stato costruito? Ma per quale scopo? Era un monastero? Aveva scopi difensivi? O era un palazzo?”.

 

Forse una psiegazione

Ora, i ricercatori possono finalmente avere alcune risposte a queste domande: risposte ottenute dalle fluttuazioni della radiazione solare e dal legno tagliato.

Nel 2012, un gruppo di ricerca giapponese ha identificato due picchi storici nell’anidride carbonica atmosferica – il composto essenziale per la datazione della materia organica antica, dagli anelli degli alberi alle ossa umane. Ogni anno, la quantità di carbonio nell’atmosfera cambia. Il più delle volte questi cambiamenti sono impercettibili. Tuttavia, negli anni 775 e 994, i ricercatori hanno dimostrato che la quantità di carbonio è aumentata, probabilmente a causa dell’aumentata attività solare.

I picchi di carbonio sono stati inghiottiti e assorbiti dagli alberi medievali in tutto il mondo, dai cedri giapponesi che il team ha ispezionato agli stand nell’Asia centrale, incluso l’albero che è stato abbattuto e incorporato nella fondazione Por-Bajin.

Gli alberi sviluppano anelli di crescita concentrici ogni anno di vita. In questi anelli, ci sono riflessi dei livelli di carbonio risalenti a quegli anni. Utilizzando il campione di legno delle fondamenta dell’insediamento, il team di Kuitems è riuscito a collegare il 43° anello di legno al picco di carbonio 775. Due anni dopo, durante lo sviluppo del 45° anello di albero, l’albero è stato tagliato. La semplice aggiunta ha permesso al team di concludere che la fondazione Por-Bajin è stata lanciata durante o dopo l’anno 777.

Tengri Bögü Khan, capo dell’Ugan Khaganate – un impero che esisteva tra l’VIII e il IX secolo – si convertì al manicheismo, una fede gnostica, e ne fece la religione di stato. Molti non erano soddisfatti della mossa, e due anni dopo la fondazione di Por-Bajin, Bögü Khan fu ucciso in una rivolta anti-manichea.

È abbastanza logico che non sia mai stato usato“, ha spiegato Kuitems. “C’erano prove che il periodo di costruzione durò solo circa due anni. Ha perfettamente senso che, subito dopo la costruzione, il leader sia stato ucciso e [il sito] completamente abbandonato”.

La datazione precisa dell’insediamento ha permesso ai ricercatori di giungere a una conclusione logica, basata su prove storiche. Sebbene la conclusione non sia immutabile, apre la strada a future rivelazioni al radiocarbonio.

Lo studio è stato pubblicato questo mese sulla rivista scientifica Proceedings of National Academy of Sciences.