mona-lisa

Il sorriso enigmatico di Mona Lisa di Leonardo da Vinci potrebbe essere stato scaturito da una libellula. Lo rivela una nuova indagine. Per anni, gli esperti si sono scontrati in varie intorno alla causa del sorriso di Mona Lisa, la cui espressione spesso non ha incontrato il consenso globale. La Gioconda è felice? Cosa spiega il magnetismo della sua espressione? Gli scienziati hanno messo in dubbio tutto ciò che si nasconde dietro il dipinto più famoso di Da Vinci e una nuova ipotesi è appena emersa, ponendo una semplice libellula al centro della questione.

La nuova ricerca, pubblicata di recente, sottolinea che Da Vinci aveva una straordinaria capacità di catturare il movimento – una sorta di “occhio rapido” – al punto che l’artista è stato in grado di osservare le caratteristiche di volo di una libellula centinaia di anni prima della macchina da presa ad alta velocità.

Questo tratto quasi sovrumano, che hanno anche alcuni dei migliori giocatori di tennis e baseball, ha permesso al maestro del Rinascimento di catturare con precisione espressioni minuscole e fugaci, tra cui voli di uccelli e libellule.

 

La “gioconda” ricerca!

Secondo la nuova ricerca, condotta da David Thaler, professore di genetica, microbiologia e biotecnologia all’Università di Basilea (Svizzera) e scienziato alla Rockefeller University (Stati Uniti), l’abilità visiva di Da Vinci, che era già nota agli esperti, può anche spiegare l’enigmatico sorriso di Mona Lisa.

Ci sono molte teorie [sul sorriso della Gioconda]. Penso che sia in parte dovuto al fatto che [Da Vinci] è riuscito a catturare qualcuno che sta cominciando a sorridere piuttosto che sorridere (…). È molto difficile ricordare il momento in cui qualcuno sorride“, ha spiegato l’esperto.

Lo specialista americano fornisce l’esempio di quando qualcuno cerca di ricordare il volto di una persona cara: è facile ricostruire mentalmente il volto della persona per sorridere, ma è quasi impossibile ricostruire il momento in cui inizia il sorriso. “Penso che sia quello che Leonardo è stato in grado di fare“, considera il ricercatore. “Il sorriso di Mona Lisa è così enigmatico perché rappresenta il momento di sorridere. E il rapido sguardo di Leonardo lo catturò e lo trattenne“.

Le conclusioni di Thaler sono state pubblicate insieme a un libro che spiega come Da Vici sia riuscito a dotare i suoi disegni e dipinti di un’incredibile profondità emotiva.