medicina-africana

Chimaraoke Izugbara era preoccupato quando il primo caso di Covid-19 fu confermato nel continente africano, in particolare in Egitto, il 14 febbraio 2020. L’antropologo specializzato in sanità pubblica e direttore dell’International Center for Research on Women (ICRW), sa che, oltre alla mancanza di risorse per fornire un trattamento di qualità contro il nuovo coronavirus, diversi Paesi in Africa hanno un’altra sfida: riconciliare la medicina tradizionale delle loro culture con le conoscenze scientifiche.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la medicina tradizionale è la somma di conoscenze, abilità e pratiche basate su teorie, credenze ed esperienze di popolazioni indigene e persone di culture diverse. Scientificamente provato o no, in diverse parti del mondo il metodo fa parte del mantenimento della salute, della prevenzione, della diagnosi, del miglioramento o del trattamento di malattie fisiche e mentali.

Izugbara ha raccontato che il “trauma” delle esperienze passate fa allertare: nel 2014, almeno due persone sono state uccise e circa 20 sono state ricoverate in ospedale in Nigeria, il suo paese natale, dopo aver ingerito quantità eccessive di soluzione salina. Secondo Izugbara, all’epoca, i post sui social network dicevano che la soluzione avrebbe aiutato le persone a evitare l’infezione da virus che causa l’Ebola.

nedicinali-tradizionali

 

Cosa accade oggi

Nella pandemia del 2020, la paura dell’antropologo nigeriano è tornata quando la rete televisiva francese France24 ha pubblicato un’intervista con il presidente del Madagascar, Andry Rajoelina, il 12 maggio. Nella conversazione, il funzionario ha affermato che il Paese avrebbe trovato una cura per il Sars-CoV-2: un tonico prodotto dalla pianta di Artemisia annua, chiamato Covid-Organics.

L’annuncio è arrivato pochi giorni dopo che Lova Hasinirina Ranoromaro, il capo dello staff del presidente, aveva detto che la formula, prodotta dal Malagasy Institute for Applied Research (IMRA), era stata testata su 20 persone con Covid-19 per tre settimane. Secondo il governo del Madagascar, finora due pazienti sono guariti.

La preoccupazione di Izugbara non significa che lo specialista non consideri la medicina tradizionale e il lavoro dei guaritori estremamente importanti. “C’è molto che possiamo scoprire con metodi tradizionali“, riflette. “Qualcosa che dobbiamo imparare dai guaritori, ad esempio, è cercare trattamenti e cure nel nostro ambiente, nella fauna e nella flora che ci circondano“.

 

Di generazione in generazione

Secondo l’OMS, almeno l’80% delle persone in Africa usa piante medicinali per prendersi cura della propria salute. Uno studio condotto da esperti dell’Università della Sierra Leone e pubblicato sul British Medical Journal nel 2018 mostra che diversi fattori spiegano l’uso delle erbe per trattare i problemi di salute – e tra questi, ovviamente, è la tradizione. Oltre alla convinzione che le verdure siano alternative più “naturali”, i ricercatori hanno concluso che il passaparola e l’associazione del trattamento con le credenze spirituali hanno una grande influenza.

Ad ogni modo, per chi conosce bene le usanze del posto, il motivo principale per cui le persone continuano ad usare il metodo è un altro: la precarietà dei sistemi sanitari nelle diverse nazioni del continente. “Il facile accesso alla medicina tradizionale nelle comunità [più distante] stimola anche la pratica“, osservano.

Tuttavia, non sono solo i residenti rurali che usano erbe e altre piante. Anche coloro che vivono in grandi città e hanno accesso a medici e ospedali usano la medicina tradizionale. E la risposta è semplice: perché spesso funziona.