asteroide dinosauri estinzione

Secondo un nuovo studio, l’estinzione dei dinosauri è stata provocata da un impatto di un asteroide, e non un’attività vulcanica come si credeva. Per decenni, gli scienziati hanno cercato di capire cosa esattamente ha causato l’evento di estinzione di massa che 66 milioni di anni fa ha distrutto circa il 75% di tutta la vita sulla Terra, dinosauri compresi. Alcuni hanno pensato che l’attività vulcanica potesse essere la colpa, ma un nuovo studio mostra che il principale colpevole è stato un asteroide.

Gli scienziati hanno rivelato che l’impatto, che ha creato il massiccio cratere Chicxulub è stato uno dei principali fattori che hanno contribuito a questo evento di estinzione. Ma l’attività vulcanica che si è svolta più o meno nello stesso periodo ha sollevato interrogativi su quale potrebbe essere stato il principale fattore che ha portato alla scomparsa delle creature terrestri. Un nuovo studio svolto dai ricercatori dell’Imperial College di Londra, dell’Università di Bristol e della University College di Londra hanno ora confermato la teoria dell’asteroide.

Secondi gli scienziati l’impatto dell’asteroide avrebbe portato ad un cambiamento del clima e dell’ecosistema terrestre. “Abbiamo dimostrato che l’asteroide ha causato un impatto invernale per decenni e che questi effetti ambientali hanno decimato ambienti adatti per i dinosauri. Al contrario, gli effetti delle intense eruzioni vulcaniche non erano abbastanza forti da interrompere sostanzialmente gli ecosistemi globali”, ha spiegato il ricercatore Alessandro Chiarenza.

“Inverno a impatto” indica un “inverno” semipermanente creato quando le particelle che bloccano la luce solare vengono sollevate nell’atmosfera dopo un impatto. “Il nostro studio conferma, per la prima volta quantitativamente, che l’unica spiegazione plausibile all’estinzione è l’impatto dell’inverno che ha sradicato gli habitat dei dinosauri in tutto il mondo.”

 

Gas e particelle causate dall’asteroide avrebbe coperto il sole per anni

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno modellato il modo in cui il clima terrestre dovrebbe rispondere a due possibili cause di estinzione separate: vulcanismo e impatto con asteroidi. Questi modelli matematici includevano fattori ambientali tra cui pioggia e temperatura, che sarebbero stati fondamentali per la sopravvivenza di queste specie. Includono anche la presenza di gas e particelle che bloccano la luce solare e anidride carbonica, un gas serra.

“Invece di usare solo la documentazione geologica per modellare l’effetto sul clima che l’asteroide o il vulcanismo potrebbero aver causato in tutto il mondo, abbiamo spinto questo approccio un passo avanti, aggiungendo una dimensione ecologica allo studio per rivelare come queste fluttuazioni climatiche hanno gravemente colpito gli ecosistemi”, rivela lo stesso co-autore principale Alex Farnsworth.

Con questi modelli, il team ha scoperto che l’asteroide gigante che ha colpito il nostro pianeta avrebbe rilasciato enormi quantità di gas e particelle nell’atmosfera terrestre, bloccando il sole per anni e anni. Questo effetto avrebbe creato una sorta di inverno semi-permanente sulla Terra, rendendo il pianeta invivibile per la maggior parte dei suoi abitanti.

asteroide dinosauri estinzione

L’attività vulcanica avrebbe consentito alla vita sulla Terra di riprendersi

Ora, mentre il team ha scoperto che l’impatto dell’asteroide è il fattore principale dell’estinzione dei dinosauri, ha anche scoperto che l’attività vulcanica avrebbe potuto effettivamente aiutare la vita a riprendersi nel tempo, una conclusione che gli scienziati hanno tratto in precedenza . Hanno scoperto che, mentre i vulcani rilasciano gas e particelle che bloccano la luce solare, bloccando il sole a breve termine, rilasciano anche grandi quantità di anidride carbonica che, poiché è un gas serra, si sarebbe accumulato nell’atmosfera riscaldando il pianeta.

Quindi, come suggeriscono i ricercatori in questo lavoro, mentre il devastante inverno causato dall’asteroide uccise la maggior parte della vita sulla Terra, nel tempo, l’effetto di riscaldamento creato dai gas vulcanici a effetto serra avrebbe potuto aiutare a ripristinare la vita negli habitat.

“Forniamo nuove prove per suggerire che le eruzioni vulcaniche che si sono verificate nello stesso periodo potrebbero aver ridotto gli effetti sull’ambiente causati dall’impatto, in particolare accelerando l’innalzamento delle temperature dopo l’inverno dell’impatto. Questo riscaldamento vulcanico indotto avrebbe contribuito a migliorare la sopravvivenza e il recupero degli animali e delle piante che si sono estinti, con molti gruppi che si sono espansi nelle sue immediate conseguenze, tra cui uccelli e mammiferi”, ha aggiunto Chiarenza. Lo studio è stato pubblicato il 29 giugno sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.