Elefanti

Centinaia di elefanti sono morti misteriosamente nel famoso Delta dell’Okavango in Botswana. Lo ha riferito il capo del dipartimento della fauna selvatica. Il paese senza sbocco sul mare dell’Africa meridionale ha la più grande popolazione di elefanti del mondo, stimata in circa 130.000 esemplari.

“Abbiamo avuto un rapporto di 356 elefanti morti nell’area a nord del delta dell’Okavango e finora ne abbiamo confermati 275”, ha detto Cyril Taolo, direttore ad interim del dipartimento di fauna selvatica e parchi nazionali.

 

La causa delle morti degli elefanti non è il bracconaggio

La causa delle morti non è ancora stabilita ed è esclusa sia l’antrace che il bracconaggio poiché gli animali sono stati trovati con le zanne intatte. I campioni sono stati raccolti e inviati in Sudafrica, Zimbabwe e Canada per i test.

Morti simili sono accadute per la prima volta a maggio quando le autorità hanno trovato 12 carcasse in due villaggi nel nord-ovest del paese. Le ultime scoperte sono contrassegnate da un ente benefico per la conservazione della fauna selvatica – Elephants Without Borders, il cui rapporto ha riferito almeno 356 elefanti morti ai media.

elefanti

Alcuni animali sono sopravvissuti, ma sono incapacitati

Il CAE sospetta che gli elefanti stiano morendo nell’area da circa tre mesi. Secondo il rapporto del 19 giugno 2020, il 70% delle carcasse di elefanti è considerato recente e il 30% delle carcasse appare fresco, variando da un giorno a due settimane. Inoltre sembra non esserci distinzioni di sesso o età.

Parecchi elefanti vivi sembrano essere deboli, letargici ed emaciati, con alcuni che mostrano segni di disorientamento, difficoltà a camminare o zoppicare. Ad esempio un elefante che camminava in cerchio era incapace di cambiare direzione nonostante fosse incoraggiato da altri membri del branco. Così riferisce il rapporto.