microplastiche

Gli scienziati hanno rilevato microplastiche nel corpo di uno degli animali più isolati sulla Terra: una piccola creatura che vive su una remota isola antartica. Lo studio si concentra su un grande pezzo di schiuma di polistirolo trovato nel 2016 sulle rive dell’isola di King George, a circa 120 chilometri dalla penisola antartica.

Questo pezzo di plastica era coperto di alghe, muschi e licheni, che forniscono cibo al Cryptopygus antarcticus, una specie trovata in Antartide e in Australia che misura tra uno e due millimetri di lunghezza e pesa solo pochi microgrammi.

 

Lo studio

Gli scienziati, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Royal Society Biology Letters, hanno analizzato i collemboli che hanno trovato in questa schiuma plastica usando una tecnica chiamata spettroscopia infrarossa. Questa tecnica ha rivelato la presenza di piccoli frammenti di polistirolo che misuravano meno di 100 micrometri di diametro – circa la larghezza di un pelo – nell’intestino di questo animale.

Secondo la stessa rivista, questa è una scoperta importante, poiché è la prima prova basata sul lavoro sul campo che le microplastiche hanno contaminato gli animali terrestri antartici, entrando nella catena alimentare di una delle parti più remote del pianeta Terra.

Come con altri animali, le microplastiche presentano rischi per collemboli. Precedenti studi su altre specie di questo ordine in altre parti del mondo hanno indicato che l’esposizione a queste minuscole particelle di plastica può portare a cambiamenti nella loro crescita e riproduzione.

Inoltre, le microplastiche possono anche risalire la catena alimentare antartica, poiché i collemboli vengono mangiati da animali più grandi, che a loro volta vengono mangiati anche da altri animali e così via. Ciò significa che le microplastiche possono accumularsi nella catena alimentare, con potenziali rischi per l’intero ecosistema.