pandemia stupro

All’inizio di ogni giornata, la dott.ssa Anita Kemi DaSilva-Ibru e il suo team hanno indossato guanti, maschere e altri dispositivi di protezione individuale per vedere i loro pazienti sopravvissuti ad uno stupro durante la pandemia.

Non stanno curando le persone per Covid-19, ma sono in prima linea nella pandemia, lavorano presso la Women at Risk International Foundation, un centro di crisi di stupro a Lagos, in Nigeria.

 

Pandemia da covid-19, aumenta il numero di chiamate anti-stupro

Indossare indumenti protettivi è la nuova realtà per i lavoratori dei centri di crisi, come DaSilva-Ibru. “Cambiamo questi kit ogni volta che vediamo un sopravvissuto poiché siamo consapevoli del rischio di trasmissione del virus tra il sopravvissuto e noi e della contaminazione incrociata tra un sopravvissuto e il prossimo”, ha detto in un’intervista alla CNN.

DaSilva-Ibru, ginecologa formata negli Stati Uniti, ha trascorso gran parte della sua carriera nel trattare centinaia di vittime di violenza sessuale, ma è stata la scala crescente della crisi in Nigeria che l’ha spinta a fondare WARIF nel 2016. La clinica di Yaba, un sobborgo di Lagos, fornisce cure mediche, terapia di assistenza legale e spazio per le vittime di stupro e i sopravvissuti agli abusi sessuali per rimettersi in piedi.

Una su quattro ragazze nigeriane è stata vittima di violenze sessuali, secondo le stime delle Nazioni Unite, ma DaSilva-Ibru afferma che il numero è più elevato poiché molti casi non vengono denunciati a causa dello stigma allegato. Nelle ultime settimane, due casi di violenza di genere di alto profilo hanno portato le donne nigeriane in piazza chiedendo il cambiamento.

pandemia stupro

Lo stupro è un’epidemia in Nigeria

“Lo stupro è un’epidemia in questo paese”, ha detto DaSilva-Ibru alla CNN. Dice che il suo lavoro con i sopravvissuti alla violenza sessuale è diventato più critico durante l’epidemia, con restrizioni per frenare la diffusione del virus alimentando un aumento delle chiamate.

È una storia riecheggiata in altre parti della regione con un numero crescente di casi Covid-19 e le restrizioni stanno avendo sulle donne davvero sorprendente. Ha dichiarato, inoltre, di aver inizialmente chiuso il centro dopo che le autorità hanno bloccato la città a marzo, ha dovuto riconsiderare la decisione quando l’organizzazione è stata inondata dai messaggi SOS delle vittime di violenza sessuale e dei loro tutori.

Il personale che gestisce la linea di assistenza 24 ore al giorno ha anche registrato un aumento del 64% delle chiamate durante questo periodo. “I nostri telefoni squillavano. Le donne chiamavano e chiedevano disperatamente aiuto. Erano donne che temevano la propria vita, dato che molte persone sono state costrette a mettersi in quarantena con i loro maltrattatori, in un ambiente già instabile”, ha detto DaSilva-Ibru CNN.

Per riaprire il centro, doveva procurarsi personalmente DPI, maschere per il viso e altri dispositivi di protezione e, quando ciò non bastasse, il centro ha lanciato un appello online per i fondi dei donatori per acquistare le apparecchiature gratuitamente.

“Eseguiamo esami forensi sui sopravvissuti e i nostri operatori sanitari in prima linea esaminano anche le persone sono in stretta vicinanza ai sopravvissuti. Per quanto dobbiamo svolgere i nostri compiti, dobbiamo anche garantire che i nostri lavoratori siano adeguatamente protetti”, ha detto la dottoressa.

pandemia stupro

Lo stupro è una delle forme più pervasive di violazione dei diritti umani

La violenza di genere è un problema in molti paesi, ma la pandemia di coronavirus ha peggiorato la situazione. Le Nazioni Unite affermano che la serie di misure messe in atto dai governi ha portato a difficoltà economiche, stress e paura, condizioni che portano alla violenza contro donne e ragazze.

La coordinatrice regionale per la parità in Africa, Judy Gitau, ha dichiarato che l’ondata di disoccupazione e la chiusura delle scuole ha messo le vittime in una situazione precaria. Ricorda una situazione simile in Sierra Leone durante l’epidemia di Ebola del 2014. Il governo ha imposto rigidi ordini che hanno chiuso le imprese e le scuole in tutta la nazione per frenare la diffusione del virus.

Gitau afferma che le autorità devono sapere che gli stupratori spesso sfruttano le severe misure per abusare delle vittime senza destare molto sospetto. Mentre le risorse statali vengono ri-focalizzate per affrontare la diffusione del coronavirus, le forze dell’ordine dovrebbero rispondere rapidamente alle denunce di abusi e creare rifugi per le vittime.

Tuttavia collocare le donne nei rifugi, comporta l’ulteriore onere della prova, che i rifugi nella città di Lagos stanno chiedendo ai sopravvissuti di sottoporsi ai test prima di essere ammessi. Le forze di polizia affermano di aver schierato più agenti nelle sue stazioni in tutto il paese per rispondere alle crescenti chiamate di violenza domestica legate allo scoppio della pandemia di Covid-19. E la scorsa settimana, i governatori di tutto il paese hanno deciso di dichiarare lo stato di emergenza per stupro, secondo il Nigerian Governor’s Forum.

È la prima volta che le autorità federali e statali escono con una voce unita per condannare la violenza di genere. Ciò conferma la protesta delle donne nel paese e l’entità del problema in Nigeria.