antichi pinguini

Gli antichi pinguini giganti della Nuova Zelanda, vissuti 62 milioni di anni fa, avevano dei “doppelganger” in Giappone, negli Stati Uniti e in Canada, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Zoological Systematics and Evolutionary Research. Gli scienziati hanno identificato sorprendenti somiglianze tra le ossa fossilizzate dei pinguini e quelle di un gruppo di uccelli dell’emisfero settentrionale molto più giovani, i plotopteridi.

Queste somiglianze suggeriscono che i plotopteridi e gli antichi pinguini sembravano molto simili e potrebbero aiutare gli scienziati a capire come gli uccelli hanno iniziato a usare le ali per nuotare anziché volare. Circa 62 milioni di anni fa, i primi pinguini conosciuti nuotavano nei mari tropicali che quasi sommergevano la terra che ora è la Nuova Zelanda. I paleontologi hanno trovato le ossa fossilizzate di questi antichi trampolieri a Waipara, nel nord di Canterbury. Hanno identificato nove specie, di dimensioni variabili da piccoli pinguini – le dimensioni del pinguino dagli occhi gialli di oggi – a mostri alti 1,6 metri.

I plotopteridi si svilupparono nell’emisfero settentrionale molto più tardi dei pinguini, con le prime specie che apparivano tra 37 e 34 milioni di anni fa. I loro fossili sono stati trovati in numerosi siti in Nord America e Giappone. Come i pinguini, usavano le loro ali simili a pinne per nuotare attraverso il mare. A differenza dei pinguini, sopravvissuti nell’era moderna, le ultime specie di plotopteridi si sono estinte circa 25 milioni di anni fa.

 

Le forti similitudini tra gli antichi pinguini giganti della Nuova Zelanda e gli plotopteridi

I ricercatori hanno confrontato le ossa fossilizzate di plotopteridi con esemplari fossili delle gigantesche specie di pinguini Waimanu, Muriwaimanu e Sequiwaimanu dalla collezione del Museo Canterbury. Hanno scoperto che i plotopteridi e gli antichi pinguini avevano simili becchi lunghi con narici simili a fessure, ossa del torace e spalle e ali simili. Queste somiglianze suggeriscono che entrambi i gruppi di uccelli erano forti nuotatori che usavano le ali per spingerli in profondità sott’acqua in cerca di cibo.

Alcune specie di entrambi i gruppi potevano raggiungere dimensioni enormi. I più grandi plotopteridi conosciuti erano lunghi oltre 2 metri, mentre alcuni dei pinguini giganti erano alti fino a 1,6 metri. Nonostante condividano una serie di caratteristiche fisiche con pinguini sia antichi che moderni, i plotopteridi sono più strettamente correlati ad altre creature come i cormorani che non ai pinguini.

I plotopteridi e gli antichi pinguini a quanto pare hanno evoluto queste funzionalità condivise in modo indipendente. Questo è un esempio di ciò che viene chiamata in gergo evoluzione convergente, quando organismi lontanamente correlati sviluppano tratti morfologici simili in condizioni ambientali simili.

antichi pinguini

I parallelismi nell’evoluzione delle due specie spiegherebbe la capacità di nuotare con le proprie ali

I ricercatori hanno affermato che alcune grandi specie di plotopteridi sarebbero state molto simili agli antichi pinguini. Questi uccelli si sono evoluti in diversi emisferi, a distanza di milioni di anni, ma da lontano non saremo in grado di distinguerli. I plotopteridi sembravano pinguini, nuotavano come i pinguini, probabilmente mangiavano come i pinguini, ma non erano pinguini.

I parallelismi nell’evoluzione dei gruppi di uccelli suggeriscono una spiegazione del perché gli uccelli hanno sviluppato la capacità di nuotare con le loro ali. Le immersioni con propulsione ad ala sono piuttosto rare tra gli uccelli; la maggior parte degli uccelli che nuotano usano i loro piedi. Gli scienziati pensano che sia i pinguini che i plotodopteridi avessero antenati volanti che si tuffavano dall’aria nell’acqua in cerca di cibo. Nel tempo queste specie di antenati sono migliorate nel nuoto e peggiorate nel volo.

Fossili dei pinguini giganti della Nuova Zelanda, tra cui Waimanu e Sequiwaimanu, sono attualmente esposti insieme a modelli a grandezza naturale degli uccelli nella mostra del Museo Canterbury, “Ancient New Zealand: Squawkzilla and the Giants”, prorogata fino al 16 agosto 2020.