yemen

La previsione appare in un nuovo rapporto dell’UNICEF intitolato “Yemen cinque anni dopo: bambini, conflitti e Covid-19“, in cui si sottolinea che il numero di bambini yemeniti malnutriti potrebbe raggiungere i 2,4 milioni entro la fine dell’anno, un aumento del 20% rispetto allo scenario attuale.

Poiché il devastato sistema sanitario e le infrastrutture lottano per affrontare il coronavirus, la situazione, che è già terribile per i bambini, rischia di peggiorare considerevolmente“, ha avvertito l’UNICEF. Le scarse infrastrutture sanitarie non sono pronte a combattere la pandemia di coronavirus, dopo cinque anni di guerra tra una coalizione militare guidata da Arabia Saudita e ribelli Houthis appoggiati dall’Iran. La guerra, scoppiata nel 2015, ha scatenato la peggiore crisi aiuti umanitari nel mondo.

L’UNICEF prevede che la situazione in Yemen peggiorerà perché i Paesi hanno recentemente ridotto gli aiuti umanitari. Il Paese ha registrato ufficialmente più di mille casi di Covid-19, provocando 275 morti. Tuttavia, si ritiene che il conteggio effettivo sia molto più elevato, poiché le capacità di test sono estremamente limitate. “Se non riceviamo fondi urgenti, i bambini saranno spinti alla fame e molti moriranno“, ha dichiarato la rappresentante dell’UNICEF in Yemen, Sara Beysolow Nyanti. Se ciò accadesse, “la comunità internazionale invierà il messaggio che le vite dei bambini (…) non contano“, ha aggiunto.

L’UNICEF ha avvertito che, a meno che 54,5 milioni di dollari (€48,5 milioni) vengano erogati per assistenza sanitaria e nutrizionale, entro la fine di agosto, più di 23.000 bambini saranno maggiormente a rischio di morte per malnutrizione acuta. Cinque milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni non avranno accesso ai vaccini contro le malattie mortali.

Le agenzie internazionali di aiuto sono allarmate dal significativo calo dei finanziamenti umanitari precedentemente promesso dai paesi donatori.

bambini-yemen

 

L’aiuto del mondo

31 dei Paesi donatori hanno impegnato 1,35 miliardi di dollari (1,2 miliardi di euro) in aiuti – meno miliardi di dollari del necessario e metà dell’importo promesso dai Paesi nel 2019. L’UNICEF può garantire solo il 10% dei 461 milioni di dollari (410 milioni di euro) che richiede di coprire la sua risposta umanitaria alla crisi nello Yemen e meno del 40% dei 53 milioni di dollari (47,2 milioni di euro) necessari per affrontare l’impatto del Covid-19 sui bambini.

I sistemi idrici e igienico-sanitari sono crollati, provocando focolai ricorrenti di colera. Circa 9,6 milioni di bambini non hanno accesso sufficiente all’acqua potabile, ai servizi igienico-sanitari o all’igiene e due terzi dei circa 30 milioni di persone del Paese hanno assistenza alimentare.