febbre-suina

La Commissione europea ha garantito che un nuovo virus collegato ai suini “non rappresenta” alcun rischio per la salute, e ha affermato che l’Unione europea (UE) “non importa prodotti suini dalla Cina“.

Siamo consapevoli dell’importanza dei sistemi di sorveglianza epidemiologica, ma è importante notare che il virus identificato in questo studio non rappresenta, al momento, un pericolo per la salute umana e che l’UE non importa prodotti a base di carne di maiale dalla Cina“, ha detto la fonte della comunità a Lusa, per quanto riguarda le informazioni sulla possibilità di una nuova pandemia da un ceppo del virus dell’influenza suina scoperto in Cina.

Anche la stessa Cina ha ora minimizzato il pericolo di una nuova pandemia da questa varietà, scoperta nel Paese dai ricercatori che lo hanno segnalato in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica americana PNAS.

 

Lo studio

I virus, rilevati dagli scienziati delle università cinesi e dal Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie in Cina, sono stati designati come G4, discendono geneticamente dal ceppo H1N1 e hanno “tutte le caratteristiche essenziali, che mostrano un’alta adattabilità ad infettare l’uomo“, con il potenziale di innescare una nuova pandemia come quella che il mondo deve affrontare oggi, iniziata anche in Cina.

Tuttavia, un portavoce della diplomazia cinese, Zhao Lijian, ha affermato che “gli esperti hanno concluso che la dimensione del campione menzionata nella relazione è piccola e non rappresentativa“, garantendo che il Paese continuerà a “monitorare la malattia, avviserà se lo è necessario e se ne occuperà in tempo”.

La fonte della comunità ha dichiarato che la Commissione sta monitorando potenziali minacce zoonotiche all’interno dell’UE e nel mondo, ma aggiunge che lo studio in questione non presenta finora prove di trasmissione da uomo a uomo, sebbene dimostri che questo virus è noto a almeno dal 2013.

In ogni caso, se emergono gravi minacce, la Commissione lavorerà per ridurre al minimo i rischi e proteggere la salute di tutti. L’importanza di una buona preparazione e di continuare a migliorare la resilienza dei nostri sistemi e società è evidente perché sappiamo che il Covid-19 non sarà l’ultima minaccia per la salute che dovremo affrontare“, ha affermato la fonte della Commissione.

La fonte ha anche sottolineato che la salute delle persone e del pianeta sono interconnesse e che il degrado dell’ambiente porta a malattie che colpiscono l’uomo. Secondo lo studio in questione tra il 2011 e il 2018, gli scienziati hanno prelevato 30.000 campioni di suini tenuti in macelli in 10 province cinesi e in un ospedale veterinario e sono stati in grado di isolare 179 virus dell’influenza suina, concludendo che il 10,4 per cento delle persone che erano in il contatto con gli animali era infetto.

Tuttavia, non hanno ancora prove che, per ora, i virus G4 siano in grado di trasmettere da uomo a uomo.