api aggressività

I ricercatori studiano spesso i genomi dei singoli organismi per cercare di stuzzicare la relazione tra geni e comportamento. Un nuovo studio sulle api mellifere africane rivela che l’eredità genetica delle singole api ha poca influenza sulla loro propensione all’aggressività.

Invece, i tratti genomici dell’alveare nel loro insieme sono fortemente associati in quanto le api “soldato” attaccano con grande ferocità. I risultati sono riportati negli Atti della National Academy of Sciences.

Api, la loro aggressività deriva dai genomi del gruppo

“Abbiamo sempre pensato che gli aspetti più significativi del comportamento di un organismo siano guidati, almeno in parte, dalla sua stessa dotazione genetica e non dalla genomica della sua società”, ha affermato Matthew Hudson, un professore dell’Università di Illinois a Urbana-Champaign. “Questo è un segnale che potrebbe esserci di più nella genetica nel suo complesso”.

I ricercatori si sono concentrati su una popolazione unica di dolci api africane a Puerto Rico, che si sono evolute per diventare più docili delle api africane in qualsiasi altra parte del mondo. “Volevamo sapere quali parti del genoma sono responsabili del comportamento gentile rispetto al comportamento aggressivo”, ha detto Hudson. Poiché queste sono api africane ma sono anche gentili, sono una popolazione ideale da studiare. C’è una certa variazione nell’aggressività tra loro.

Le api africane sono più dure e più resistenti alle malattie rispetto ai loro predecessori europei sull’isola, quindi gli scienziati sono desiderosi di saperne di più sulle basi genetiche della natura gentile delle api Portoricane. Quando un alveare viene disturbato, le api di guardia emettono un segnale chimico che spinge le api soldato in azione.

La risposta dipende dalla natura della minaccia e dall’aggressività dell’alveare. Se i soldati pungono il loro bersaglio è un’altra misura di aggressione, di conseguenza i soldati che pungono moriranno. Gli studiosi hanno confrontato i genomi del soldato e delle api foraggere provenienti da ciascuna delle nove colonie di api da miele a Puerto Rico.

api concetto zero

i tratti comportamentali sono influenzati dalle differenze ereditarie

Hanno anche testato l’aggressività con cui le api soldato hanno risposto ad un assalto all’alveare. Con loro sorpresa, gli scienziati non hanno trovato differenze nella sequenza genomica tra soldati e falsificatori che hanno costantemente spiegato le diverse risposte.

Tuttavia quando hanno condotto uno studio di associazione su tutto il genoma confrontando gli alveari più aggressivi e meno aggressivi, hanno visto una forte correlazione tra genomica dell’alveare e aggressività. Le analisi hanno rivelato che una regione del genoma sembrava svolgere un ruolo centrale nella relativa dolcezza o aggressività degli alveari.

Molti tratti comportamentali negli animali e nell’uomo sono noti per essere fortemente influenzati dalle differenze ereditarie nella sequenza del genoma, ma per molti comportamenti, anche il modo in cui un individuo agisce è influenzato dal modo in cui gli altri si comportano. Ora vediamo che nell’alveare, l’allevamento può anche avere una forte firma genomica.

Tali influenze genomiche comportamentali possono essere particolarmente pronunciate nelle api da miele, che vivono in una società straordinariamente cooperativa in cui ogni individuo ha un ruolo sociale e funzionale definito.