combustibile

Un team di ingegneri dell’Università di Washington, negli Stati Uniti, ha sviluppato un nuovo processo per una cella a combustibile che funziona al doppio della tensione delle celle a combustibile a idrogeno tradizionali. Il nuovo processo sviluppato dagli ingegneri consente la creazione di celle a combustibile con una tensione doppia rispetto alle opzioni tradizionali.

Il team è stato in grado di raggiungere la massima efficienza adottando l’idruro di boro come reagente e identificando l’intervallo ideale di portate, nonché le architetture nel campo del flusso e del tempo di permanenza nelle celle.

Una delle maggiori sfide in questo progetto è la difficoltà di attrarre i produttori, che sono riluttanti a investire sforzi e capitali. Tuttavia, il team non ha dovuto aggiungere o modificare alcun componente del progetto originale, quindi questo è stato uno dei grandi vantaggi dell’indagine.

Ridurre o eliminare le reazioni collaterali è la chiave per migliorare qualsiasi tecnologia delle celle a combustibile, ma di solito ciò richiede l’introduzione di nuovi catalizzatori. Il team universitario americano è stato in grado di raddoppiare la tensione cellulare, raggiungendo una tensione operativa a cella singola di 1,4 V o superiore.

Questo valore è equivalente al doppio di quello ottenuto nelle celle a combustibile a idrogeno, con potenze di picco vicine a 1 watt/cm2, caratteristica che lo rende una soluzione alternativa più leggera ed efficiente.

Seguendo le nostre linee guida, le celle a combustibile liquido già distribuite oggi commercialmente possono ottenere miglioramenti delle prestazioni“, ha riassunto Vijay Ramani.

Questo raddoppio della tensione consentirà ora la creazione di celle a combustibile più piccole, più leggere ed efficienti, che si traducono in significativi vantaggi gravimetrici e volumetrici quando si assemblano più celle in una batteria per uso commerciale.

A febbraio, il team di Vijay Ramani aveva già annunciato di aver utilizzato un’interfaccia microscopica bipolare (PMBI) con un gradiente di pH per creare celle a combustibile a idruro di boro in grado di energizzare droni e dispositivi sommergibili.