covid-19-aria

In una lettera all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), 239 scienziati provenienti da 32 paesi hanno presentato prove del fatto che particelle più piccole sospese nell’aria possono infettare le persone, ovvero il Covid-19 viene trasmesso anche attraverso l’aria. Gli scienziati chiedono all’organizzazione di rivedere le raccomandazioni che ha rilasciato.

Il New York Times ha avuto accesso alla versione originale della lettera aperta, che include esempi che mostrano di come la trasmissione aerea del nuovo coronavirus sia possibile in aree ventilate o scarsamente piene. Secondo la lettera, che sarà pubblicata questa settimana sulla rivista scientifica Clinical Infectious Diseases, potrebbe essere necessario adattare i sistemi di ventilazione nelle scuole, nelle case di cura e nelle imprese per ridurre al minimo la circolazione dell’aria.

 

Da rivedere alcune precauzioni

Secondo l’OMS, il virus SARS-CoV-2 viene trasmesso principalmente attraverso il contatto e piccole goccioline respiratorie che, dopo essere state espulse dalle persone, non rimangono nell’aria e cadono rapidamente sul pavimento o su altre superfici.

I 239 medici firmatari ritengono che l’organizzazione si riferisca solo a goccioline più grandi e non stia considerando la possibilità che piccoli aerosol, anch’essi emessi da persone, rimangano nell’aria. “Sappiamo dal 1946 che tossire e parlare genera aerosol“, ha spiegato Linsey Marr, esperta della Virgina Tech University negli Stati Uniti.

Benedetta Allegranzi, leader tecnico dell’OMS nel controllo delle infezioni, sostiene, da parte sua, che le prove della diffusione del virus per via aerea non sono ancora convincenti. “Soprattutto negli ultimi mesi, abbiamo affermato più volte che la trasmissione per via aerea è possibile, ma non esistono prove solide o irrefutabili“.

L’OMS ammette che la trasmissione aerea è possibile, ma afferma che ciò avviene solo in ambienti in cui vengono generate goccioline di meno di 5 micron (alcune procedure mediche, ad esempio).

Lo specialista nella trasmissione di virus nell’aria all’università americana, tuttavia, sostiene che la maggior parte degli esperimenti dell’OMS vengono condotti in un ambiente ospedaliero dove esiste una buona ventilazione dell’aria. L’esperto spiega che nella maggior parte degli edifici “il tasso di rinnovo dell’aria è molto più basso, consentendo al virus di accumularsi nell’aria e comportare un rischio maggiore“.

Paul Hunter, membro del comitato di prevenzione delle infezioni dell’OMS e professore di medicina presso l’Università dell’East Anglia nel Regno Unito, ha affermato che l’OMS deve sapere come gestire le raccomandazioni che possono essere difficili da rispettare. “Può verificarsi la trasmissione di aerosol, ma probabilmente non è così importante“, ha detto al NYT. “Il controllo della trasmissione aerea non farà molto per controllare la diffusione del Covid-19. Imporrà costi inutili, in particolare nei Paesi che non dispongono più di personale o risorse sufficienti“, ha aggiunto.