covid sonda

Quando nel 2018 Butterfly Network ha iniziato a implementare gli scanner a ultrasuoni portatili, gran parte dell’attenzione era rivolta alla fornitura di strumenti in alcune parti dell’Africa e dell’America Latina. Tuttavia due anni dopo potrebbe trovare un nuovo uso negli Stati Uniti mentre gli ospedali si adattano alle nuove sfide della pandemia di covid.

Fare un esame ecografico può essere un lungo processo che di solito comporta una visita in ospedale e l’uso di attrezzature per decine di migliaia di dollari. E mentre gli ultrasuoni possono aiutare nel trattamento del covid, scansionando i polmoni di un paziente, portare i pazienti in una sala d’esame rischia di esporre gli altri al virus e sforzare ulteriormente un sistema sanitario già sovraccarico.

 

Covid, nuovi macchinari ad ultrasuoni portatili

Ecco dove il dispositivo di Butterfly Network e altri simili potrebbero aiutare. Butterfly iQ è costituito da una sonda portatile simile a quella collegata alle macchine ad ultrasuoni tradizionali, ma è invece collegata a un cavo che si collega a uno smartphone o tablet attraverso la sua porta di ricarica. I medici possono quindi visualizzare le immagini sullo schermo tramite l’app di Butterfly.

Non si ha bisogno di trasportare quel paziente in un’altra area dell’ospedale per ulteriori imaging ed esposizione a personale aggiuntivo. Il fatto che si possa portare un sistema ad ultrasuoni portatile che si collega a un telefono in una stanza, fare l’esame di cui si ha bisogno, ottenere le informazioni di cui ho bisogno, uscire e disinfettare un telefono e una sonda è davvero sorprendente.

Butterfly iQ è uno dei numerosi prodotti che cercano di semplificare il processo. Aziende come GE e Philips, così come alcune aziende più piccole, stanno anche costruendo strumenti che consentono ai medici di portare dispositivi ad ultrasuoni nelle loro tasche. Sebbene possano esserci limitazioni e alcuni compromessi in termini di qualità, alcuni medici ritengono che i benefici siano chiari.

covid

Nuove tecnologie sempre più veloci ed efficaci

Il coronavirus ha aperto un nuovo fronte nell’uso della tecnologia, consentendo ai medici di condurre scansioni polmonari molto più velocemente e con un’esposizione minima al virus. In precedenza, Butterfly Network ha attratto investitori di alto profilo tra cui la società di servizi finanziari Fidelity e la Bill and Melinda Gates Foundation.

È un altro esempio di ospedali che si rivolgono a tecnologie più recenti mentre si occupano del coronavirus; dall’addestramento alla realtà virtuale per i medici ai dispositivi di videochiamata bidirezionali per i fornitori per il check-in con pazienti e persino droni per fornire dispositivi di protezione individuale.

Il trattamento ad ultrasuoni portatile, nonostante alcune limitazioni sul tipo di test che può eseguire, è relativamente economico, leggero e portatile. Comparabile favorevolmente all’esame fisico, secondo un’analisi dell’anno scorso pubblicata dall’American College of Cardiology.

Nonostante i loro limiti, le macchine ad ultrasuoni portatili possono essere un sostituto efficace di molte scansioni comuni, garantendo che macchine più grandi possano essere utilizzate per trattare solo i casi più critici, afferma Narula. Stima che le macchine portatili possono aiutare a escludere la necessità che il 70% dei pazienti esegua un test in laboratorio.