buco-nero

Al centro del quasar più luminoso mai scoperto, “vive” uno dei più grandi buchi neri che è anche il più “affamato” dell’intero Universo: ogni giorno ingoia l’equivalente della massa del nostro Sole. Le stime provengono da un gruppo di astronomi provenienti dall’Australia, dagli Stati Uniti e dall’Osservatorio europeo meridionale (ESO) e compaiono in un nuovo articolo che è stato recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Monthly Notice of the Royal Astronomical Society.

In questione è il buco nero supermassiccio J2157-3602, situato nella costellazione del Pesce del sud, a 12 miliardi di anni luce di distanza. Pesa circa 8.000 volte la massa del Sagittario A*, il buco nero centrale nella nostra galassia. La sua massa è equivalente a 34 miliardi di volte quella del Sole.

Queste stime, sottolineano gli scienziati nel nuovo studio, riflettono lo stato del quasar quando l’Universo aveva solo 1,2 miliardi di anni (circa il 10% della sua età attuale), a causa dell’enorme distanza che esiste tra questo corpo e la Terra.

A partire da questa età stimata, gli scienziati sono stati in grado di calcolare il tasso di crescita del loro buco nero e hanno concluso che è il più grande finora conosciuto – questo corpo ingerisce quotidianamente l’equivalente della massa solare.

La quantità di massa che i buchi neri possono assorbire dipende dalla quantità di massa che già hanno“, ha spiegato Fuyan Bian, coautore dello studio e specialista presso l’Osservatorio europeo meridionale, con sede in Cile. “Pertanto, affinché questo oggetto divori un tasso di materia alto come questo, pensiamo che potrebbe avere un nuovo record. E ora lo sappiamo”, ha continuato, citato in una dichiarazione.

Le nuove stime degli oggetti sono state calcolate sulla base dei dati di un telescopio australiano e del Very Large Telescope (VLT) dell’ESO.

Se il buco nero della Via Lattea è cresciuto fino a questo punto, dovrebbe ingoiare i due terzi di tutte le stelle della nostra galassia“, mette a confronto l’astronomo australiano Christopher Onken, che ha anche partecipato alla nuova ricerca.