coralli mare

Le temperature globali della superficie del mare sono aumentate a tassi senza precedenti negli ultimi tre decenni, con conseguenze di vasta portata per i coralli. Oggi, la maggior parte delle barriere coralline sopravvive al loro limite termico superiore.

Un aumento di solo un grado Celsius che dura più di alcune settimane può portare allo sbiancamento dei coralli e alla loro morte. Con le proiezioni del riscaldamento degli oceani che dovrebbero continuare a salire fino a 1,5 gradi Celsius, gli scienziati sono in corsa contro il tempo per trovare nuove soluzioni per sostenere le barriere coralline.

 

La temperatura del mare troppo elevata porta alla morte dei coralli

Una soluzione promettente è il trapianto di coralli; un metodo in cui i frammenti di corallo coltivati ​​in un vivaio vengono trapiantati su scogliere degradate. Un trapianto riuscito solleva la biomassa del corallo e aiuta a ripristinare la funzione della barriera corallina. Ogni anno, migliaia di coralli vengono trapiantati con questo metodo.

Sebbene efficace, la tecnica richiede tempo e denaro; il costo del ripristino della barriera corallina può raggiungere i 400.000 dollari per ettaro e il successo non è sempre garantito. Se i coralli appena insediati sono esposti a fattori di stress come scoppi di alghe, chimica dell’acqua sfavorevole e fluttuazioni della temperatura , possono rapidamente deteriorarsi e morire.

Poiché la temperatura è uno dei fattori fondamentali che determinano la salute e la sopravvivenza dei coralli, comprendere il suo ruolo nel trapiantare la sopravvivenza è fondamentale per il successo del ripristino. In uno studio pubblicato su Environmental Research Letters, i ricercatori del Center for Global Discovery and Conservation Science dell’Arizona State University hanno dimostrato che la sopravvivenza dei trapianti di corallo potrebbe scendere al di sotto del 50% se le temperature della superficie del mare superano i 30,5 gradi Celsius.

coralli mare

Trapianto di coralli

Lo studio si basa su un’analisi di centinaia di progetti di trapianto di corallo in tutto il mondo tra il 1987 e il 2018. Il team ha valutato i dati sui tassi di sopravvivenza dei coralli, i luoghi e le date degli impianti, insieme ai dati sulla temperatura della superficie del mare estratti dai satelliti per determinare gli effetti della temperatura sull’impianto sopravvivenza.

Hanno anche valutato se le temperature dell’anno precedente al trapianto di corallo mostrassero modelli simili. I risultati della loro analisi aiutano a determinare se un sito di restauro è appropriato o meno. Il ripristino della barriera corallina si sta trasformando proprio ora da un’industria di cottage a un’impresa globale, e questo deve accadere in concerto con la mutata geografia globale della temperatura degli oceani.