india-covid-19

Nonostante sia il terzo Paese con il maggior numero di infezioni in tutto il mondo, gli esperti sanitari affermano che, dati i pochi test effettuati, il numero potrebbe essere ancora più elevato.

Tra mercoledì e giovedì in India, secondo fonti ufficiali, sono stati registrati 487 decessi per Covid-19 e quasi 25.000 nuove infezioni. Questo numero di nuovi casi rappresenta un record giornaliero per il Paese.

Da quando il governo indiano ha attenuato le restrizioni e poiché i test sono aumentati a oltre 200.000 campioni al giorno, il numero di infezioni è salito alle stelle, rispetto a poche centinaia al giorno a marzo.

Le infezioni in questo Paese sono cresciute lentamente. Tuttavia, sei mesi dopo il rilevamento del primo caso, l’India è diventata il terzo paese con il maggior numero di casi di coronavirus, dopo gli Stati Uniti e il Brasile, e gli esperti temono che questo Paese, il secondo più popoloso del mondo – con quasi 1,4 miliardi di persone – potrebbe diventare il nuovo principale focus globale della malattia.

 

Diversi fattori da considerare

Un articolo di Aparna Alluri e Shadab Nazmi, giornalisti della BBC a Delhi, indica diversi fattori che giustificano questo argomento, uno dei più spaventosi è il fatto che la vera estensione della diffusione del virus in India sia sconosciuta.

Sebbene il Paese abbia un elevato numero totale di contagi, in termini di casi pro capite sono relativamente piccoli. Tuttavia, ciò è dovuto al fatto che, secondo gli esperti, l’India non sta eseguendo test sufficienti.

Una delle ragioni del numero limitato di test, secondo Himanshu Tyagi e Aditya Gopalan, due matematici esperti nell’elaborazione di strategie per testare il Covid-19, è che l’India adotta un sistema di “test e monitoraggio”, che limita i test su pazienti a rischio e persone con cui sono in contatto.

Oltre al fatto che questo metodo ha limitato il numero di test nella popolazione, si è anche rivelato inefficace quando la malattia ha iniziato a diffondersi, poiché si limita a contenere le infezioni, ma non si occupa di scoprire nuovi casi.

 

Il vaccino indiano

In totale, sei società indiane stanno sviluppando vaccini per il Covid-19 e, la scorsa settimana, il governo indiano ha dato a due di loro, Bharat Biotech e Zydus Cadila, il permesso di avviare studi clinici sull’uomo sui vaccini più avanzati. Tuttavia, la velocità di questo processo sta sollevando critiche tra gli scienziati del paese.

Il direttore generale dell’Indian Medical Research Council, Balram Bhargava, ha rivelato la data agli ospedali che saranno coinvolti nei test. “Il vaccino dovrebbe essere lanciato per uso pubblico entro il 15 agosto 2020, dopo che tutti gli studi clinici saranno stati completati“, ha scritto Bhargava, chiedendo agli ospedali di preparare tutte le approvazioni necessarie per il vaccino e di essere pronti ad applicarlo “entro il 7 luglio“.

Questa data è stata considerata assurda dalla comunità scientifica, che ritiene impensabile che i test possano dimostrarsi efficaci e sicuri in meno di due mesi. “Non c’è mai stata una strada così veloce per sviluppare qualsiasi tipo di vaccino“, ha detto Anant Bhan, ricercatore ed ex presidente dell’Associazione internazionale di bioetica, sostenuta dal virologo indiano Thekkekara Jacob John: “Gli studi clinici non possono essere affrettati“, ha concluso, spiegando che i test di fase I e II durano almeno cinque mesi.

In totale, dall’inizio della pandemia in India, sono morte 21.129 persone e sono stati diagnosticati 767.296 casi.