delfini

I delfini imparano ad usare gli strumenti non solo con i loro genitori, ma anche con i loro coetanei. Lo ha concluso una nuova indagine condotta dagli scienziati dell’Università di Leeds, nel Regno Unito. Secondo il nuovo studio, i cui risultati sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista scientifica specializzata Current Biology, è con i loro “amici” che i delfini imparano come usare conchiglie vuote per pescare.

Il nostro studio mostra che il comportamento del foraggiamento, in cui i delfini pescano all’interno di gusci vuoti, si diffonde attraverso l’apprendimento sociale tra colleghi molto stretti“, ha spiegato l’autore principale dello studio, Sonja Wild. “Questo è sorprendente, perché i delfini e altri denti con le balene di solito seguono la strategia di imitare le loro madri per imparare a cercare cibo“, ha continuato il ricercatore dell’Università britannica.

 

Ma cosa imparano esattamente i delfini dai loro colleghi?

Fondamentalmente, questi esemplari seguono la loro preda, che di solito è pesce, e usano conchiglie vuote lasciate sul fondo del mare. Quando il pesce entra nel guscio, i delfini ne approfittano e ne introducono il muso, salendo con esso in superficie, dove lo svuotano in modo che la preda cada loro in bocca.

La scoperta “sottolinea le somiglianze tra i cetacei – il gruppo che comprende delfini, balene focene – e grandi scimmie quando si tratta di trasmettere comportamenti culturali“, ha aggiunto Michael Krützen, coautore del lavoro e scienziato dell’Università di Zurigo, in Svizzera, che ha avviato le indagini.

La ricerca ora pubblicata è il risultato di studi condotti tra il 2007 e il 2018 nella Baia degli squali, in Australia. Durante questo periodo, gli scienziati hanno identificato più di 1.000 delfini indo-pacifici (Tursiops aduncus) e registrato 5.300 incontri di campioni. Inoltre, il team è stato anche in grado di osservare il comportamento di cercare cibo con la buccia in 42 momenti diversi.