luce uv coronavirus

La luce ultravioletta è stata utilizzata per fermare i patogeni nelle loro tracce per decenni. Ma funziona contro il coronavirus, il virus dietro la pandemia? La risposta breve è sì. Tuttavia richiede il giusto tipo di UV nel giusto dosaggio, un’operazione complessa che è meglio amministrata da professionisti qualificati.

In altre parole, molti dispositivi UV a casa che dichiarano di uccidere SARS-CoV-2 probabilmente non sono una scommessa sicura. Le radiazioni UV possono essere classificate in tre tipi in base alla lunghezza d’onda: UVA, UVB e UVC.

Quasi tutta la radiazione UV che raggiunge la Terra è UVA, perché la maggior parte dei raggi UVB e tutta la luce UVC viene assorbita dallo strato di ozono, secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie . Ed è UVC, che ha la lunghezza d’onda più corta e la massima energia, che può agire da disinfettante.

luce uv coronavirus

Coronavirus, la luce UV combatte il virus?

“L’UVC è stato usato per anni, non è una novità”, ha detto a Live Science Indermeet Kohli, un fisico che studia fotomedicina in dermatologia all’ospedale Henry Ford di Detroit. L’UVC a una lunghezza d’onda specifica, 254 nanometri, è stato usato con successo per inattivare l’influenza H1N1 e altri coronavirus. Uno studio pubblicato il 26 giugno sul database di prestampa medRxiv ora conferma che UVC elimina anche il coronavius.

UVC-254 funziona perché questa lunghezza d’onda provoca lesioni nel DNA e nell’RNA. Una sufficiente esposizione a UVC-254 danneggia il DNA e l’RNA in modo che non possano replicarsi, uccidendo o inattivando efficacemente un microrganismo o un virus. Tuttavia un uso responsabile e accurato è fondamentale.

Le capacità di danneggiamento del DNA di UVC lo rendono estremamente pericoloso per la pelle e gli occhi umani. Le tecnologie di disinfezione UVC dovrebbero essere lasciate principalmente alle strutture mediche e valutate per la sicurezza e l’efficacia da parte di team con esperienza in fotomedicina e fotobiologia.

Luce UV domestica sembra non essere efficace

Quando si tratta di lampade UVC domestiche, la loro capacità di danneggiare la pelle e gli occhi non è l’unico pericolo, ha affermato il dott. Jacob Scott, medico ricercatore del Dipartimento di ematologia traslazionale e ricerca oncologica della Cleveland Clinic. Questi dispositivi hanno anche un controllo di bassa qualità, il che significa che non c’è garanzia che si stia effettivamente eliminando il patogeno.

I dispositivi domestici non offrono quel tipo di precisione, quindi il loro utilizzo potrebbe offrire una falsa garanzia che SARS-CoV-2 è stato eliminato quando non lo è stato, ha osservato. “Avere qualcosa che pensi sia pulito, ma non lo è, è peggio di qualcosa che sai essere sporco” perché influenza il tuo comportamento verso quell’oggetto.

Sia Kohli che Scott e i loro team stanno lavorando per rendere più efficiente la disinfezione UVC dei dispositivi di protezione individuale, come maschere per il viso e respiratori N95. Il gruppo Kohli fornisce consulenza agli ospedali e ai fornitori che ripropongono le apparecchiature UVC esistenti per la decontaminazione del respiratore N95.

Il gruppo di Scott ha sviluppato una macchina che può essere utilizzata da strutture mediche più piccole e un programma software che aiuta gli utenti a tenere conto della geometria della sala di disinfezione in modo che il personale possa fornire la dose più efficace di UVC. Ciò richiederà ulteriori ricerche, ha affermato Kohli. Tuttavia, è chiaro che usato in modo accurato e responsabile, UVC ha un potenziale enorme.