aragoste-distacco-sociale

Un team di scienziati ha scoperto che esistono diversi animali, come aragoste, babbuini e formiche, che ricorrono alla distanza sociale per non ammalarsi. “Per quanto innaturale possa sembrarci, il distacco sociale è una parte molto importante del mondo naturale“, hanno scritto gli scienziati nel nuovo studio i cui risultati sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista Scientific American.

Gli scienziati sottolineano nello stesso documento che questo comportamento è molto comune, in quanto aiuta gli animali sociali a prevenire le malattie e sopravvivere . In questo modo, aumentano anche “le loro possibilità di avere figli che agiscono anche in questo modo” – comportamento che gli specialisti chiamano “immunità comportamentale“.

 

La Natura che insegna

Questo comportamento “comporta costi“, scrivono gli scienziati, che sono, in pratica, i benefici che favoriscono la vita sociale di questi esemplari. Ed è per questo motivo che molti animali scelgono di rimanere insieme, anche quando un membro della popolazione è malato o infetto da un qualche tipo di agente patogeno.

L’articolo fornisce come esempio le aragoste che, attraverso l’urina, rilevano ed evitano i compagni del gruppo infetto dal virus Panulirus argus 1, che origina una malattia che uccide più della metà dei campioni giovanili infetti, che sono i più sociali.

L’animale si allontana, pagando, da un lato, il costo di esporsi a un rischio maggiore di essere catturato da una preda, ma dall’altro garantisce che un focolaio virale decima gran parte della sua comunità.

Oltre alle aragoste, le formiche da giardino e alcuni babbuini usano anche questa tecnica per prevenire la diffusione di una malattia, affermano gli scienziati.