pesci mimetismo

Nelle profondità oceaniche nuotano alcuni pesci dall’aspetto spaventoso. Queste creature hanno sviluppato una pelle nerissima per sfuggire dai predatori e utilizzano la bioluminescenza per cacciare nell’oscurità. Un team di ricercatori ha cercato di svelare i segreti più oscuri e profondi del mimetismo di questi inquietanti pesci.

I ricercatori, tra cui l’autore principale Alexander Davis, hanno pubblicato uno studio sui pesci ultra-neri nella rivista Current Biology (PDF) giovedì. Hanno identificato almeno 16 specie di pesci che vivono in acque profonde con una pelle che assorbe oltre il 99,5% di luce. È il massimo camuffamento per le profondità oceaniche.

Come suggeriscono i nomi, il drago di mare e il comune pesce fangtooth non sono le creature più coccolose dell’oceano. Potrebbero apparire da incubo per gli umani schizzinosi, ma sono di grande interesse per gli scienziati che stanno cercando modi per sviluppare nuovi materiali ultra-neri. Vantablack è il più famoso dei rivestimenti ultra-neri. È stato progettato per applicazioni nel settore della difesa e dello spazio, ma è apparso anche in architettura e arte.

pesci mimetismo

Il nuovo studio permetterà lo sviluppo di nuovi materiali ultra-neri

Il team di ricerca sull’oceano ha utilizzato uno spettrometro per misurare la luce che si riflette sulla pelle dei pesci prelevati dalla baia di Monterey e dal Golfo del Messico. Questi abitanti del profondo vivono fino a un miglio sotto la superficie dell’oceano. Ciò che hanno trovato è un piccolo pesce nero in grado di assorbire quasi totalmente la luce. Gli scienziati hanno scoperto le differenze tra il pesce nero e i pesci ultra-neri concentrandosi sui melanosomi, strutture all’interno delle cellule che contengono il pigmento melanina.

Altri animali a sangue freddo con normale pelle nera hanno minuscoli melanosomi a forma di perla, mentre quelli ultra-neri sono più grandi, più a forma di tic-tac, hanno riferito gli scienziati. Le strutture ultra-nere sono anche più fitte. La modellazione al computer ha rivelato che questi melanosomi hanno la geometria ottimale per assorbire la luce.

Secondo il co-autore Karen Osborn, “Imitare questa strategia potrebbe aiutare gli ingegneri a sviluppare materiali ultra-neri meno costosi, flessibili e più durevoli da utilizzare nella tecnologia ottica, come telescopi e macchine fotografiche, e per mimetizzarsi”. Lo studio sulla pelle dei pesci aggiunge alla nostra comprensione come funzionano questi animali insoliti nei loro mondi domestici oscuri. L’articolo è stato pubblicato per la prima volta il 16 luglio 2020.