sviluppatori

Prima della “GDC Summer“, che si svolgerà interamente con mezzi digitali, la Game Developers Conference ha intervistato quasi 2.500 sviluppatori di videogiochi per avere un’idea dell’impatto della pandemia di coronavirus sul settore. In un rapporto pubblicato in questi giorni, la GDC ha condiviso i suoi risultati: nonostante le sfide estremamente complesse poste dalla pandemia, meno del 10% degli sviluppatori intervistati ha dichiarato di essere stato licenziato o licenziato e mentre un terzo ha dichiarato di aver assistito ad un netto declino degli affari, un altro terzo ha invece notato addirittura un aumento del volume d’affari.

sviluppatori

 

Molti degli sviluppatori intervistati hanno dichiarato di aver continuato tranquillamente col lavoro, ma di essersi sentiti “poco creativi”

Circa un terzo degli sviluppatori intervistati afferma che i loro giochi sono stati posticipati, alcuni anche più volte, ma ciò non deve sorprendere. È ormai confermato che Mafia: Definitive Edition e Cyberpunk 2077 sono stati rimandati e Sony aveva sospeso lo sviluppo di The Last Of Us Part II e del nuovo Iron Man VR. Gli effetti della pandemia potrebbero quindi essere stati “stemperati” dal fatto che circa un terzo degli intervistati ha dichiarato di aver proseguito il proprio lavoro da casa; circa il 70% di essi.

Tuttavia, lavorare da casa, specialmente durante una pandemia globale, presenta alcune problematiche ulteriori. Quasi la metà degli intervistati ha dichiarato di aver notato una diminuzione della propria produttività e quasi un terzo ha dichiarato di essersi sentito meno creativo; inoltre, il 41% degli intervistati ha affermato di aver lavorato stranamente più a lungo del normale. “La più grande sfida del team è stata la gestione dello stress ambientale. Tutti sono stati colpiti dalla pandemia in qualche modo, anche non direttamente, e l’atmosfera generale di ansia è impossibile da ignorare completamente“, ha dichiarato uno degli intervistati.