cani campo magnetico

I cani sono famosi per un olfatto sopraffino, ma un nuovo studio suggerisce che potrebbero avere un talento sensoriale aggiuntivo, sebbene nascosto: una bussola magnetica. Il senso sembra consentire loro di utilizzare il campo magnetico terrestre per calcolare le scorciatoie in terreni sconosciuti.

La scoperta è una novità nei cani, afferma Catherine Lohmann, biologa dell’Università della Carolina del Nord, che studia “percezione magnetica” e navigazione nelle tartarughe. Rileva che le capacità di navigazione dei cani sono state studiate molto meno rispetto agli animali migratori come gli uccelli.

 

I cani si orientano attraverso il campo magnetico

C’erano già indizi che i cani, come molti animali, possano percepire il campo magnetico terrestre. Nel 2013, Hynek Burda, ecologa sensoriale dell’Università ceca di scienze della vita di Praga, che ha lavorato sulla ricezione magnetica per 3 decenni, ha mostrato che i cani tendono a orientarsi da nord a sud durante la minzione o la defecazione.

Poiché questo comportamento è coinvolto nella marcatura e nel riconoscimento del territorio, Burda ha sostenuto che l’allineamento aiuta i cani a capire la posizione rispetto ad altri punti. Tuttavia l’allineamento fisso non è la stessa cosa della navigazione.

Nel nuovo studio inizialmente ha messo videocamere e localizzatori GPS su quattro cani e li ha portati in gita nella foresta. I cani scappavano per inseguire il profumo di un animale in media per 400 metri. Le tracce GPS hanno mostrato due tipi di comportamento durante i loro viaggi di ritorno al loro proprietario.

In uno, soprannominato tracking, un cane avrebbe ripercorso il suo percorso originale, presumibilmente seguendo lo stesso profumo. Nell’altro comportamento, chiamato scouting, il cane sarebbe tornato lungo un percorso completamente nuovo, facendo il bushwhacking senza alcun backtracking.

Inoltre notò una caratteristica curiosa: nel mezzo di una corsa di scouting, il cane si fermava e correva per circa 20 metri lungo un asse nord-sud prima di iniziare a tornare indietro. Quelle brevi tirature sembravano un allineamento lungo il campo magnetico. I ricercatori hanno esaminato da vicino 223 casi di scouting, in cui i cani hanno vagato in media 1,1 chilometri al loro ritorno.

cani campo magnetico

Bussola magnetica, un’abilità antica

In 170 di questi viaggi, i cani si fermarono prima di tornare indietro e correre per circa 20 metri lungo un asse nord-sud . Quando gli animali lo facevano, tendevano a tornare dal proprietario attraverso un percorso più diretto rispetto a quando non lo facevano. Durante le passeggiate nella foresta, il team ha cercato di evitare di dare al cane altri indizi di navigazione.

Quando possibile, un cane è stato portato in una parte di una foresta in cui non era mai stato, in modo che non potesse fare affidamento su punti di riferimento familiari. Inoltre, un cane non è riuscito a tornare indietro alla ricerca del suo proprietario, che si è nascosto dopo che il cane è partito per vagare. Nemmeno il profumo sembrava avere un ruolo, perché il vento soffiava raramente dal proprietario verso il cane quando tornava.

In un nuovo esperimento, metteranno dei magneti sui collari dei cani per disturbare il campo magnetico locale e vedere se ostacola la loro capacità di navigare. L’idea rievoca un controverso esperimento pubblicato nel 1980 su Science, in cui i magneti bloccati nelle bende sembravano interrompere un senso intuitivo di homing magnetico negli esseri umani.

Ciò afferma che non sarebbe sorprendente scoprire che i cani possono usare il campo magnetico per navigare e potrebbe essere presente in qualsiasi mammifero che attraversa vasti territori.