Scienziati universitari negli Stati Uniti e in Germania hanno identificato due anticorpi potenti nel bloccare l’infezione da Covid-19, la malattia causata dal nuovo coronavirus, che agisce impedendo al virus di connettersi ed entrare nelle cellule umane.

Gli anticorpi (COV2-2196 e COV2-2381) sono stati in grado di ridurre l’infiammazione polmonare, la carica virale e la perdita di peso nei topi infetti dal nuovo coronavirus (Sars-Cov-2). Nelle scimmie rhesus, l’uso di ciascuno degli anticorpi ha protetto gli animali dalla contaminazione del virus. “Insieme, questi risultati suggeriscono che gli anticorpi, da soli o in combinazione, sono candidati promettenti per la prevenzione o il trattamento di Covid-19“, affermano i ricercatori nello studio.

Sottolineano, tuttavia, che le prestazioni congiunte dei due anticorpi insieme dovrebbero essere considerate per lo sviluppo di tecniche contro il coronavirus. Ciò è dovuto a possibili mutazioni: anche se il virus “cambia” in un determinato luogo, continua ad essere attaccato da un altro anticorpo.

Lo hanno testato sia profilatticamente [preventivamente] che terapeuticamente [per il trattamento]. Quando si utilizza un anticorpo come terapia, è interessante utilizzare due anticorpi diversi combinati, per evitare le mutazioni di fuga che possono verificarsi nel virus – e la stessa cosa per i vaccini“, spiegano i microbiologi. Ricordando, inoltre, che il nuovo coronavirus non tende a subire molte mutazioni.

Il biologo Julio Lorenzi, che ricerca il virus dell’HIV e sta attualmente studiando la risposta immunitaria a Covid-19 alla Rockefeller University di New York, concorda sul fatto che l’uso di entrambi gli anticorpi aiuta ad attaccare diversi punti del virus. Sostiene che la ricerca è interessante perché è stata in grado di dimostrare l’efficacia degli anticorpi negli animali, sia per prevenire la malattia sia per migliorare il danno causato da essa.

 

Non si tratta però di un vaccino

Spiega, tuttavia, che questo tipo di intervento è diverso da un vaccino. “Questi anticorpi hanno funzionato per il trattamento e la prevenzione – per bloccare il virus. Con il vaccino induci la produzione di anticorpi”, afferma. Per gòi scienziati, tutti i meccanismi per combattere Covid-19 sono importanti, ma ritengono che la ricerca del vaccino possa essere più rilevante rispetto ai test con anticorpi, anche perché l’immunizzazione può aiutare migliaia di persone.

La ricerca con la scoperta è stata pubblicata sulla rivista scientifica Nature, una delle più importanti al mondo.