vikinglink

Sono già iniziati i lavori per la costruzione del più grande cavo elettrico di collegamento al mondo, che consentirà il trasporto di energia pulita tra il Regno Unito e la Danimarca. Il progetto dovrebbe essere completato a metà del 2023.

Il progetto, soprannominato Viking Link, è un connettore ad alta tensione in corrente continua che collegherà i due Paesi. E, soprattutto, rappresenta una “pietra miliare importante” negli sforzi del Regno Unito per raggiungere zero emissioni nette di gas serra, secondo la National Grid, multinazionale società elettrica e gas con sede a Londra. Viking Link avrà un costo di circa 1,8 miliardi di sterline.

Complessivamente, ci saranno 765 chilometri di cavi sottomarini tra Bicker Fen nel Lincolnshire, in Inghilterra, e Revsing nello Jutland meridionale, in Danimarca. È in gioco un progetto di collaborazione tra la National Grid del Regno Unito e il proprietario e gestore danese del sistema elettrico, Energinet.

 

Un’unione in fondo al mare

La Danimarca ha notevoli risorse di energia eolica e il progetto significa che i parchi eolici danesi potrebbero presto essere in grado di vendere 1,5 milioni di case nel Regno Unito. Il sistema consentirà inoltre al Regno Unito di esportare energia.

Abbiamo già completato il lavoro sul campo iniziale con indagini archeologiche ed ecologiche, oltre agli studi [che abbiamo effettuato] su opere idriche (…). Tuttavia, questa è una pietra miliare fondamentale per la costruzione del progetto“, ha affermato Mike Elmer, direttore del progetto Viking Link presso National Grid Ventures. “Viking Link svolgerà un ruolo fondamentale nel contribuire a decarbonizzare l’alimentazione del Regno Unito sulla strada per un sistema di energia liquido a zero emissioni di carbonio. Ciò consentirà l’accesso a una fornitura di energia elettrica più pulita e più verde, che renderà l’energia più sicura e più accessibile ai consumatori”.