venere vulcani

Gli scienziati hanno identificato 37 strutture vulcaniche su Venere che sembrano essere state recentemente attive – e probabilmente lo sono ancora oggi – dipingendo l’immagine di un pianeta geologicamente dinamico e non di un mondo dormiente come pensavamo da tempo. La ricerca si è concentrata su strutture ad anello chiamate coronae, causate da un affioramento di roccia calda proveniente dalle profondità interne del pianeta, fornendo prove convincenti della recente diffusa attività tettonica e magmatica sulla superficie di Venere.

Molti scienziati avevano a lungo pensato che Venere, priva della tettonica a zolle che gradualmente rimodellasse la superficie terrestre, fosse essenzialmente dormiente geologicamente, essendo stato così nell’ultimo mezzo miliardo di anni. “Il nostro lavoro dimostra che parte di quel calore interno è ancora in grado di raggiungere la superficie anche oggi. Venere non è chiaramente geologicamente morta o dormiente come si pensava in precedenza”, ha affermato Anna Gülcher, scienziata e autrice principale della ricerca pubblicata sulla rivista Nature Geoscience.

venere vulcani

Le strutture vulcaniche sembrerebbero attive da milioni di anni

I ricercatori hanno determinato il tipo di caratteristiche geologiche che potrebbero esistere solo in una corona recentemente attiva – una fossa rivelatrice che circonda la struttura. Quindi hanno analizzato le immagini radar di Venere scattate dalla navicella spaziale Magellan della Nasa negli anni ’90 per trovare una corona adatta al disegno. Delle 133 corone esaminate, 37 sembrano essere state attive negli ultimi 2m a 3m anni, un battito di ciglia nel tempo geologico.

Le coronae sono essenzialmente campi di colate laviche che attraversano una vasta area circolare. Molti dei 37 risiedono all’interno di un gigantesco anello nell’emisfero meridionale del pianeta, tra cui una colossale corona chiamata Artemide che ha un diametro di 2.100 km. Venere, pianeta più vicino e leggermente più piccolo della Terra, è coperto da nuvole di acido solforico e ha temperature superficiali così calde da sciogliere il piombo.