corone-venere

Un’isola di origine vulcanica situata nel Pacifico sta vivendo un momento di intensa attività a causa di uno “scoppio vigoroso” che ha coinvolto il rilascio di cenere e lava mentre cresce insolitamente da metà giugno. In una dichiarazione, la NASA spiega che la crescita dell’isola coincide con un’eruzione iniziata lo scorso maggio e si sta ancora verificando, accompagnata da forti emissioni di anidride solforosa e bombe vulcaniche.

 

Le prime eruzioni già negli anni ’70

La posta in gioco è l’isola di Nishinoshima, situata a quasi mille chilometri a sud della città di Tokyo e appartenente al Giappone. Prima delle sue prime eruzioni negli anni ’70, questo pezzo di terra era noto come Rosario.

Secondo le immagini catturate dai servizi geospaziali giapponesi, la costa meridionale di questa piccola isola è cresciuta di 150 metri tra il 19 giugno e il 3 luglio.

Il 3 luglio, la nuvola di gas e ceneri ha raggiunto gli 8.300 metri di altezza, il livello più alto da quando il cratere stesso è stato posizionato sopra la linea di galleggiamento a metà 2013. Nello stesso anno, la crescita anomala dell’isola fu registrata per la prima volta, quando raggiunse dodici volte la sua dimensione originale. Questa crescita è dovuta in gran parte ai flussi di lava espulsi dal vulcano.

Diverse immagini catturate dal satellite hanno rivelato una traccia di calore al centro dell’eruzione, che era particolarmente visibile con i raggi infrarossi.