mit mascherina

Sei mesi dopo la pandemia di Covid-19, il mondo è ancora a corto di respiratori N95 (ovvero mascherine) – un prodotto che la maggior parte delle persone probabilmente non conosceva prima di quest’anno. In tempi normali, le mascherine N95 sono utilizzate in contesti medici, ma poi vengono gettate via. Ma la carenza ha richiesto ogni sorta di modi innovativi per consentire loro di essere sterilizzate e riutilizzate. Ora, i ricercatori del MIT e Brigham and Women’s Hospital hanno trovato una soluzione parziale realizzando il primo prototipo di mascherina N95 con filtri sostituibili.

La mascherina è realizzata in gomma siliconica con due filtri di qualità N95 sostituibili. Chiamata iMASC – che sta per Injection Molded Autoclavable, Scalable, Conformable – la parte in gomma della maschera può essere sterilizzata in modi diversi. Tuttavia, gli inserti del filtro N95 presentano gli stessi difetti delle maschere N95 tradizionali. In realtà non dovrebbero essere riutilizzati, ma se necessario è possibile farlo disinfettandoli. Il grande vantaggio di iMASC è che ci vuole molto meno materiale N95 per realizzare i due piccoli filtri rispetto a un intero respiratore N95.

L’idea di un respiratore in gomma e plastica con filtri sostituibili non è nuova. Esaminando il sito 3M si ottengono pagine di respiratori di livello commerciale e dozzine di diverse opzioni di cartuccie filtranti, che vanno da N95 fino a P100 e filtri per vapore. Tuttavia, hanno un grosso svantaggio che li rende un problema per l’uso contro il Covid-19: filtrano l’aria che inspiriamo, ma non l’aria che espiriamo. Dopo tutto, sono fatti per proteggere chi lo indossa dall’ambiente, non viceversa.

mit mascherina

La nuova mascherina è già stata testata, il prossimo passo è la produzione in massa

Il team del MIT e Brigham and Women’s Hospital è partito dalla forma e dal design di un modello usa e getta, il respiratore 395 N95 del 1860, già in uso in ospedale. Il loro obiettivo era quello di ottenere una misura equivalente, ma in un fattore di forma economico e riutilizzabile. Un test iniziale con 24 operatori sanitari è andato bene, con feedback positivi sulla sua vestibilità e traspirabilità. Inoltre ha filtrato con successo un aerosol di prova.

Le maschere dovrebbero costare agli ospedali circa 15 dollari ciascuna una volta che sono in produzione e dovrebbero essere riutilizzabili fino a 100 volte. Il team spera che i filtri costeranno meno di un dollaro. I ricercatori stanno lavorando a una nuova versione e hanno in programma di creare una società per produrli e venderli. In questo momento sembra un’ottima idea per un’azienda, ma è difficile credere che 3M non abbia progetti simili in corso sulla base di modifiche minori alle sue offerte esistenti. Quindi la startup avrà il suo lavoro da fare.