covid-19 anticorpi

Gli scienziati della Columbia University hanno identificato un cocktail di anticorpi che potrebbero essere una potente opzione per il trattamento e la prevenzione di Covid-19. Il team, guidato dal famoso ricercatore per l’HIV David Ho, ha raccolto anticorpi neutralizzanti da cinque pazienti Covid-19 gravemente malati e ha selezionato 19 candidati che hanno contrastato in modo aggressivo il nuovo coronavirus.

Ciò che rende notevoli i risultati è che alcuni degli anticorpi hanno identificato aree del virus che non erano state precedentemente scoperte, secondo i risultati pubblicati su Nature. La maggior parte degli anticorpi si lega alla proteina spike sulla superficie di SARS-CoV-2. I ricercatori della Columbia hanno dimostrato che i loro anticorpi colpiscono una delle due posizioni sulla proteina S: o il dominio di legame del recettore (RBD), che aiuta il virus ad agganciarsi e infettare le cellule umane, o il dominio N-terminale (NTD).

Tra nove degli anticorpi più potenti, quattro sono specificamente diretti all’RBD e tre all’NTD. Ma in quello che credono sia una scoperta senza precedenti, il team Columbia ha trovato due potenti anticorpi neutralizzanti che riconoscono un sito sulla cima della proteina S che attraversa da un RBD a un altro.

 

I medici già stanno usando il plasma con gli anticorpi sui pazienti affetti

I medici stanno già utilizzando plasma contenente anticorpi per trattare i pazienti positivi. Ma poiché il siero convalescente contiene una varietà di anticorpi, ogni paziente potrebbe aver bisogno di un diverso prodotto al plasma con concentrazioni o intensità variabili di anticorpi neutralizzanti. Gli anticorpi così purificati che possono essere prodotti in serie potrebbero essere l’opzione migliore, sostiene il team.

Ho è meglio conosciuto per le sue ricerche che hanno gettato le basi per il controllo della replicazione dell’HIV nei pazienti con terapia antiretrovirale di combinazione. Ora, sta suggerendo una strategia simile per combattere Covid-19. “L’uso di un cocktail di anticorpi diversi che sono diretti a diversi siti nella proteina spike aiuterà a prevenire che il virus diventi resistente al trattamento”, ha riferito Ho.

covid-19 anticorpi

La corsa allo sviluppo dei cocktail di anticorpi

La compagnia Regeneron sta attualmente conducendo la corsa allo sviluppo di cocktail anticorpali neutralizzanti per il potenziale trattamento e la prevenzione della malattia. In collaborazione con l’Istituto Nazionale per le Allergie e le Malattie Infettive, la società ha recentemente avviato uno studio di fase 3 per verificare se una miscela di due anticorpi neutralizzanti, soprannominata REGN-COV2, può prevenire le infezioni nelle persone che hanno avuto uno stretto contatto con una persona infetta. La società ha inoltre avanzato il candidato in due studi clinici per il trattamento di pazienti Covid-19 ospedalizzati e non ospedalizzati.

Eli Lilly sta testando due trattamenti anticorpali, LY-CoV555 e JS016, attraverso partnership separate con la biotecnologia canadese AbCellera e la società cinese Junshi Biosciences. Anche il settore farmaceutico di Indianapolis sta prendendo in considerazione una potenziale combinazione dei due. Ho e colleghi hanno convalidato la loro strategia anticorpale in uno studio sulla sfida dei virus nei criceti. I ricercatori stanno ora progettando ulteriori studi su altri animali nella speranza di passare alla sperimentazione umana.