terra covid-19

Noi umani siamo un gruppo turbolento e dirompente. La nostra stessa vita quotidiana fa mormorare il pianeta. Guidare e viaggiare, scavare e costruire, l’industria e persino gli eventi sportivi contribuiscono a un ronzio costante di fondo del rumore sismico ad alta frequenza. Ora, grazie ai blocchi globali dovuti alla pandemia di Covid-19, la Terra sta vivendo una drastica riduzione di quel rumore sismico antropogenico, mai registrato nella storia.

I rumori della Terra sono costantemente monitorati dagli scienziati. Centinaia di stazioni di monitoraggio sismico in tutto il mondo possono aiutarci a prevedere e comprendere il terremoto e l’attività vulcanica, nonché a registrare il rigonfiamento degli oceani e persino la pressione atmosferica.

Questi segnali possono essere captati attraverso il rumore dell’attività umana, che è relativamente inesorabile. Si abbassa notevolmente in momenti specifici – i fine settimana e le notti tendono ad essere un po ‘più tranquilli, così come le festività come Natale, Capodanno e Capodanno cinese – ma in realtà non si ferma mai. Il rumore umano non si è fermato nemmeno ora – ma la riduzione è la più elevata della storia, scendendo fino al 50%, per mesi e mesi.

 

Una lunga raccolta di dati ha permesso di scovare la riduzione del rumore sismico antropogenico

Lo studio si basa su mesi di dati, fino a maggio 2020 compreso, raccolti da 268 stazioni di monitoraggio sismico in 117 paesi in tutto il mondo. Quando i paesi hanno iniziato ad attuare blocchi per impedire la diffusione del Covid-19, è iniziato a emergere un modello chiaro, prima in Cina a fine gennaio, seguito da paesi in Europa e nel resto del mondo ad aprile e marzo.

Complessivamente, 185 delle stazioni di monitoraggio sismico hanno registrato cali significativi nel segnale antropogenico ad alta frequenza, in correlazione con i blocchi in quelle regioni. È stato più pronunciato nelle aree ad alta densità, come le città, ma i ricercatori hanno detto che l’effetto è stato notato anche nelle aree rurali a bassa densità e le stazioni che sono incredibilmente isolate, come una a circa 150 metri sotto la Foresta Nera in Germania. Ciò suggerisce che il campo d’onda sismico antropogenico si estende più lontano di quanto si pensasse in precedenza – un risultato molto utile, poiché la stazione della Foresta Nera viene spesso utilizzata come riferimento a basso rumore.

terra covid-19

I livelli di attività stanno tornando in alcune regioni, ma bisogna fare attenzione al futuro

Il silenzio – parte di una riduzione globale indotta dalla pandemia soprannominata da alcuni come antropausa – è, dicono i sismologi, un dono scientifico, per due ragioni principali. Il primo è che, confrontando il periodo pre-pandemico con il periodo di blocco Covid-19, gli scienziati possono caratterizzare il rumore generato dall’attività umana meglio di quanto abbiano mai fatto prima. In secondo luogo, senza il ronzio, gli scienziati possono ascoltare con chiarezza i segnali di terremoto che sarebbero stati avvolti dal rumore vicino ad aree densamente popolate.

I livelli di attività in alcune regioni del mondo stanno tornando, ma questi mesi di quiete hanno fornito una preziosa nuova base da cui valutare i dati in futuro. La popolazione umana continuerà a crescere, il che complicherà ulteriormente il monitoraggio sismico; essere in grado di caratterizzare accuratamente il rumore antropogenico renderà più facile trovare e valutare i segnali provenienti dal pianeta stesso, in particolare quelli relativi ai pericoli sismici. La ricerca è stata pubblicata su Science.