umani americhe

Secondo i nuovi ritrovamenti dal Messico, gli umani si stabilirono nelle Americhe molto prima di quanto dichiarato. I ritrovamenti suggeriscono che la gente vivesse lì già 33.000 anni fa, il doppio dell’età ampiamente dichiarata per il primo insediamento delle Americhe.

I risultati si basano sul lavoro nella grotta di Chiquihuite, un rifugio roccioso d’alta quota nel Messico centrale. Sono stati trovati quasi 2000 strumenti di pietra, suggerendo che la caverna è stata utilizzata dalle persone per almeno 20.000 anni.

 

Americhe, i primi insediamenti umani risalgono a molto prima di quanto si pensa

Durante la seconda metà del 20° secolo, tra gli archeologi nordamericani emerse un consenso sul fatto che il popolo Clodoveo fosse stato il primo a raggiungere le Americhe, circa 11.500 anni fa.

Si pensava che gli antenati dei Clovis avessero attraversato un ponte di terra che collegava la Siberia all’Alaska durante l’ultima era glaciale. Questo ponte di terra, noto come Beringia, successivamente è scomparso sott’acqua quando il ghiaccio si è sciolto. Si pensava che questi cacciatori di selvaggina avessero contribuito all’estinzione della megafauna, grandi mammiferi come mammut, che vagavano nella regione fino alla fine dell’ultima era glaciale.

Quando l’idea “Clovis First” prese piede, le notizie di precedenti insediamenti umani furono respinte in quanto inaffidabili e gli archeologi smisero di cercare segni di occupazione precedente. Tuttavia negli anni ’70 questa ortodossia iniziò a essere messa alla prova.

Negli anni ’80 sono emerse solide prove di una presenza umana di 14.500 anni a Monte Verde, in Cile. E dagli anni 2000, altri siti pre-Clovis sono stati ampiamente accettati, incluso il Buttermilk Creek Complex di 15.500 anni nel Texas centrale.

Ora, Ciprian Ardelean, dell’Universidad Autónoma de Zacatecas, in Messico, e colleghi hanno trovato prove di un’occupazione umana che risale a molto oltre quella data, nel sito di Chiquihuite nelle Highlands messicane centro-settentrionali. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature.

umani americhe

Diverse tecniche per riportare alla luce il passato

Questo è un sito unico, non abbiamo mai visto nulla di simile prima. L’evidenza dello strumento di pietra è molto convincente. Chiunque può vedere che questi sono strumenti di pietra fabbricati deliberatamente e ce ne sono molti. E così, è un sito molto eccitante in cui essere stati coinvolti“, hanno dichiarato i ricercatori.

Il team ha scavato una sezione stratigrafica profonda 3 metri e ha trovato circa 1.900 manufatti in pietra realizzati nel corso di migliaia di anni. I ricercatori sono stati in grado di datare ossa, carbone e sedimenti associati agli strumenti in pietra, usando due tecniche scientifiche di datazione.

Il primo, la datazione al radiocarbonio, si basa sul modo in cui una forma radioattiva dell’elemento carbonio è nota per decadere nel tempo. La seconda, luminescenza otticamente stimolata, funziona misurando l’ultima volta che i sedimenti sono stati esposti alla luce.

Utilizzando due diverse tecniche ha aggiunto molta credibilità e forza, in particolare alla parte più antica della cronologia. E i risultati potrebbero portare gli scienziati a dare uno sguardo nuovo ai controversi siti di occupazione precoce altrove nelle Americhe.

In Brasile, ci sono diversi siti in cui hai strumenti di pietra che mi sembrano robusti e datati 26-30.000, date simili al sito di Chiquihuite. Questa potrebbe essere un’importante scoperta che potrebbe stimolare nuovi lavori per trovare altri siti nelle Americhe che risalgono a questo periodo.