foto sistema solare

Gli scienziati hanno catturato la prima immagine diretta di un sistema solare che ricorda da vicino il nostro. La nuova immagine mostra due giganteschi esopianeti in orbita attorno a una giovane stella simile al sole, a circa 300 anni luce di distanza. La foto è stata scattata utilizzando il Very Large Telescope dell’Osservatorio Europeo Meridionale, situato nel deserto cileno di Atacama. Secondo un nuovo studio in Astrophysical Journal Letters, il sistema aiuterà gli astronomi a capire meglio come si è formato ed evoluto il nostro sistema solare

La stella, nota come TYC 8998-760-1 e situata nella costellazione meridionale di Musca, ha solo 17 milioni di anni, che i ricercatori hanno definito “una versione molto giovane del nostro sole”. Comparativamente, il sole ha circa 4,6 miliardi di anni.

Entrambi i pianeti in orbita attorno alla stella, soprannominati TYC 8998-760-1b e TYC 8998-760-1c, sono sospettati di essere giganti gassosi, nel senso che sono composti principalmente da gas come elio e idrogeno. Tuttavia, sono molto più lontani dalla loro stella ospite rispetto ai nostri giganti gassosi Giove e Saturno, a distanze di 160 e circa 320 volte la distanza Terra-Sole. Sono anche molto più pesanti dei giganti gassosi del nostro sistema solare.

Per la prima volta sono stati avvistati due pianeti attorno ad una stella simile al sole

L’immagine mostra i due pianeti, che appaiono come due punti luminosi luminosi, che orbitano in lontananza attorno alla loro stella madre, situati nell’angolo in alto a sinistra. Poiché si sono formati così di recente, brillano ancora abbastanza intensamente da essere visti dalla Terra.

Segna la prima volta che gli astronomi hanno osservato più di un singolo pianeta in orbita attorno a una stella simile al sole. Solo due sistemi simili sono mai stati osservati in precedenza, entrambi con stelle unicamente diverse dalle nostre. “Questa scoperta è un’istantanea di un ambiente molto simile al nostro Sistema Solare, ma in una fase molto precedente della sua evoluzione”, ha dichiarato il ricercatore capo Alexander Bohn.

Il coautore Matthew Kenworthy ha affermato che questo tipo di osservazioni dirette sono cruciali nella caccia ai pianeti in grado di sostenere la vita. “Anche se gli astronomi hanno rilevato indirettamente migliaia di pianeti nella nostra galassia, solo una minima parte di questi pianeti extrasolari è stata fotografata direttamente”, ha riferito.

Solo una dozzina di esopianeti finora scoperti sono stati fotografati direttamente, secondo la NASA . Gli scienziati sperano che ulteriori ricerche rivelino se i giovani pianeti si sono formati nella loro posizione attuale o sono emigrati da qualche altra parte – e come potrebbero interagire tra loro.